Mersenne alla graticola...

Vuoi proporre i tuoi esercizi? Qui puoi farlo!!

Moderatore: tutor

Avatar utente
HiTLeuLeR
Messaggi: 1874
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Reggio di Calabria

Messaggio da HiTLeuLeR » 01 gen 1970, 01:33

<!-- BBCode Quote Start --><TABLE BORDER=0 ALIGN=CENTER WIDTH=85%><TR><TD><font size=-1>Quote:</font><HR></TD></TR><TR><TD><FONT SIZE=-1><BLOCKQUOTE>
<BR>On 2004-09-11 21:14, positrone continued:
<BR>[...] Infatti per i dispari che finiscono per 3, 5 e 9 dovremmo avere 2^2p=2q,dove q è un numero dispari, mentre per i dispari che finiscono per 1 e 7 dovremmo avere che 2^2p è un numero dispari, perchè p+1 è pari. Di conseguenza non può esistere una tale equazione.
<BR></BLOCKQUOTE></FONT></TD></TR><TR><TD><HR></TD></TR></TABLE><!-- BBCode Quote End -->
<BR>
<BR>Inutile nasconderti che, a questo punto della soluzione, mi son sentito un tantinello perso... Orbene, per definizione: 2^2p==p+1 mod(2p+1) sse esiste un k intero tale che: 2^2p = p + 1 + k*(2p + 1). Ecco dunque la domanda, che poi in fondo una domanda non è... Ti spiacerebbe illustrare più diffusamente le ragioni per cui ti riesce di dedurre dalla relazione sopra indicata che, là dove la cifra meno significativa della rappresentazione decimale di 2p + 1 sia pari a 3 o 5 o 9, debba essere q = 1 mod 2, avendo posto 2^2p = 2q, con q appartenente ad N<sub>0</sub>? E un\'altra considerazione... se l\'ultima cifra decimale di 2p + 1 è uguale ad 1 oppure a 7, perché mai dovremmo derivarne: p + 1 = 0 mod 2, ossia p = 1 mod 2? Aspetta, vediamo un po\' se mi riesce di trovare su internet qualche controesempio, uhmmmm... Sì, ci sono! Poni 2p + 1 = 20k + 1, con k in N<sub>0</sub>, e analogamente: 2p + 1 = 20h + 17, con h in N. Ok, penso possa bastare... Aspetterò impaziente di conoscere i tuoi argomenti. Saluti!
<BR>
<BR>
<BR>\"Archimede sarà ricordato anche quando ci si dimenticherà di Eschilo, poiché le lingue muoiono, ma le idee Matematiche no. \'Immortalità\' può essere una parola ingenua, ma un Matematico ha più probabilità di chiunque altro di raggiungere quel che essa designa.\" - G. H. Hardy, da \"Apologia di un Matematico\"<BR><BR>[ Questo Messaggio è stato Modificato da: HiTLeuLeR il 12-09-2004 20:07 ]

Bloccato