The Art of Computer Programming

Qui si parla di libri, film, fumetti, documentari, software di argomento matematico o scientifico.
Rispondi
Avatar utente
dimpim
Messaggi: 300
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

The Art of Computer Programming

Messaggio da dimpim » 11 nov 2006, 22:22

Qualcuno di voi ha letto questo libro? Se sì, cosa ne pensa?

Avatar utente
Sisifo
Messaggi: 604
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Scorzè (VE)/Pisa

Messaggio da Sisifo » 12 nov 2006, 16:24

Non l'ho mai letto tutto.. comunque in una parola.. impegnativo.
"Non è certo che tutto sia incerto"(B. Pascal)
Membro dell'associazione "Matematici per la messa al bando del sudoku" fondata da fph

Avatar utente
Nonno Bassotto
Site Admin
Messaggi: 970
Iscritto il: 14 mag 2006, 17:51
Località: Paris
Contatta:

Messaggio da Nonno Bassotto » 12 nov 2006, 23:17

Può essere utile sapere che NON è un libro per imparare a programmare. Non insegna nessun linguaggio in particolare, non tratta di nessuna libreria, non spiega cos'è la programmazione a oggetti, eccetera. Quindi nonostante il titolo, il libro non insegna a programmare.
Quello che il libro fa è spiegare come trattare dei problemi molto comuni e spesso computazionalmente pesanti in modo algoritmico. Quando uno fa un programma ha spesso bisogno di svolegere ripetutamente tutta una serie di operazioni elementari: ad esempio creare dei numeri casuali, ordinare delle liste o percorrere un grafo. Non è chiaro tuttoggi quali siano gli algoritmi ottimali per svolgere queste operazioni: il libro presenta lo stato dell'arte (al momento della scrittura) su questi problemi.
Chi di fatto programma non deve necessariamente conoscere gli algoritmi, perché si affida a metodi di sorting ecc. forniti dal linguaggio stesso o dalle sue librerie standard. Quindi questo è un libro utile per chi vuol farsi una cultura su algoritmi effiecienti per operazioni molto comuni o per chi progetta un linguaggio o implementa le sue librerie standard.
The best argument against democracy is a five-minute conversation with the average voter. - Winston Churchill

Rispondi