Riforma "scolastica"

Qui si parla di libri, film, fumetti, documentari, software di argomento matematico o scientifico.
Avatar utente
eLwo06
Messaggi: 10
Iscritto il: 05 set 2005, 12:22
Contatta:

Messaggio da eLwo06 » 21 ott 2008, 15:48

-
Ultima modifica di eLwo06 il 22 ott 2008, 10:09, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Children of the forest
Messaggi: 225
Iscritto il: 24 giu 2007, 17:22
Località: Provincia di Torino

Messaggio da Children of the forest » 22 ott 2008, 01:07

Purtroppo, per vari motivi non sono riuscito a rispondere e inserirmi nel discorso fatto all'inizio. Ora il discorso sta "degenerando" quindi vorrei tornare a scrivere due cose.

In questo forum spesso sono state riprese le persone che parlavano di argomenti non inerenti alle olimpiadi o comunque ai ragazzi che le olimpiadi le fanno. In effetti questo è un forum per le olimpiadi e quindi non è il luogo per coordinare i movimenti studenteschi, ci sono altri siti (blog e forum) in cui farlo.
Il mio obiettivo era informare i ragazzi che partecipano alle olimpiadi della matematica, che presumibilmente faranno l'università, di quello che sta accadendo; secondo me le persone più toccate dalla nuova legge sono i ragazzi ora in quinta superiore (4^ o primo anno di uni). Inoltre spesso, non sempre ovviamente, i ragazzi che fanno le olimpiadi sono timidi e/o poco attenti alla società reale in cui viviamo, quando in realtà la legge 133 tocca molto pesantemente gli studenti "di eccellenza". Il consiglio che do a tutti loro è guardarsi testo della legge e manifestare il proprio (quasi sicuro) disappunto nel modo migliore che credono. La "protesta" degli olimpionici è secondo me molto importante perché essi sono parte dell'eccellenza del nostro paese.

Poi volevo commentare brevemente ciò che è stato scritto in precedenza. Non ho tempo purtroppo di commentare punto per punto.
Si discuteva se fosse meglio unire o separare didattica e ricerca, su questo c'è da discutere, io ho una mia idea ma è solo un idea, ci sono sistemi validi nel mondo con tutte e due i metodi. Il problema è che qui non si separa la didattica dalla ricerca, qui si "cancella" (si taglia davvero pesantemente e mi sento di dire che le precedenti finanziarie non erano nemmeno paragonabili a questa) la ricerca e basta.
Per quanto riguarda la protesta pratica, poi non ricordo chi lo diceva, comunque è effettivamente poco utile protestare bloccando la didattica, poter studiare è quello che vogliamo ottenere. Ciò nonostante non vuol dire che non bisogna protestare, ci sono vari tipi di protesta molto utili, in aggiunta ciò che è stato fatto finora è stato fatto in maniera serissima.
Ultimo appunto, il gioco qui è cercare il modo migliore di far sentire la nostra voce, un discorso per quanto sensato che mira ha mostrare che quello che si sta facendo non è un ottima cosa è la cosa più inutile che esista, non si tratta di una congettura matematica, che se riesci a confutarla hai comunque fatto un lavoro valido. Non sto dicendo che una persona possa non essere d'accordo, ma se si lo si è, chiedo che chi critichi proponga qualcosa.

Appunto finale, tutte le nostre conquiste democratiche sono state ottenute su pressioni della piazza, dal voto alle donne al divorzio alla modernizzazione dell'università negli anni 70. Non ha assolutamente senso dire che non è utile; non essere utile e non avere voglia è un'altra cosa. Preciso che le persone hanno il pieno diritto di non volere manifestare, hanno il pieno diritto di usare il loro tempo in un modo che loro ritengono migliore; basta che queste cose si dicano chiaramente.
http://olimato.altervista.org/
L'uomo ha creato un dio vendicativo per i propri comodi e un satana per l'inferno che ha in se

elendil
Messaggi: 78
Iscritto il: 17 lug 2008, 16:18
Località: Provincia di Pistoia

Messaggio da elendil » 23 ott 2008, 16:08

Children of the forest ha scritto:Il consiglio che do a tutti loro è guardarsi testo della legge
Ecco http://www.camera.it/parlam/leggi/08133l.htm
Per quanto riguarda la protesta pratica non ricordo chi lo diceva, comunque è effettivamente poco utile protestare bloccando la didattica, poter studiare è quello che vogliamo ottenere. Ciò nonostante non vuol dire che non bisogna protestare, ci sono vari tipi di protesta molto utili, [...]
Ultimo appunto, il gioco qui è cercare il modo migliore di far sentire la nostra voce, un discorso per quanto sensato che mira ha mostrare che quello che si sta facendo non è un ottima cosa è la cosa più inutile che esista, non si tratta di una congettura matematica, che se riesci a confutarla hai comunque fatto un lavoro valido. Non sto dicendo che una persona possa non essere d'accordo, ma se si lo si è, chiedo che chi critichi proponga qualcosa.
Qui concordo in pieno...
ciò che è stato fatto finora è stato fatto in maniera serissima.
qui non sono d'accordo proprio perchè alle critiche bisognerebbe affiancare le proposte... e finora non ne ho sentite (anche se spero vivamente di sbagliarmi).

Avatar utente
Ratio
Messaggi: 62
Iscritto il: 29 nov 2007, 20:22
Località: Una realtà quadridimensionale (forse)

Messaggio da Ratio » 23 ott 2008, 23:19

elendil ha scritto:qui non sono d'accordo proprio perchè alle critiche bisognerebbe affiancare le proposte... e finora non ne ho sentite (anche se spero vivamente di sbagliarmi).
Ma come è possibile presentare alternative? Attraverso quali organi? Gli unici organi che la Costituzione concede al popolo per proporre alternative sono gli orgami legislativi (Camera dei Deputati e Senato). Se le iniziative di protesta non nascono da lì, come possiamo anche solo aspettarci che possano farsi portavoci di proposte alternative?

E' facile dire che bisogna proporre alternative, ma come? Non ci sono i mezzi.
E non è giusto criminalizzare lo sciopero o una manifestazione nazionale per questo.
L'unica cosa che il popolo può fare nel rispetto della legge è scioperare.
"L'apprendere molte cose non insegna l'intelligenza"
Eraclito

Avatar utente
Children of the forest
Messaggi: 225
Iscritto il: 24 giu 2007, 17:22
Località: Provincia di Torino

Messaggio da Children of the forest » 23 ott 2008, 23:48

elendil ha scritto:Citazione:
ciò che è stato fatto finora è stato fatto in maniera serissima.

qui non sono d'accordo proprio perchè alle critiche bisognerebbe affiancare le proposte... e finora non ne ho sentite (anche se spero vivamente di sbagliarmi).
Non riesco a capire cosa intendi dire, provo a chiarire due cose:

-per cose fatte in maniera serissima mi riferisco alla facoltà di scienze mfn a Torino, cioè la mia, sono orgoglioso di quello che si sta facendo e di come lo si sta facendo.
A Torino in generale non ci sono mai stati casi di violenza e il blocco didattico c'è stato solo per 4ore in contemporanea della manifestazione del 10 ottobre (che poi si può interpretare come sciopero dei professori che erano tutti in piazza, esattamente come fa perdere lezioni una protesta dei dipendenti dei mezzi pubblici). Le "occupazioni" non hanno impedito in nessun modo lo svolgimento delle lezioni e anche chi ha "occupato" ha seguito poi le lezioni(e questo è stato super-distorto).
Per quanto riguarda le proteste in Italia, non ho avuto occasione di sentire troppo i miei amici in giro per la penisola e sinceramente non mi fido assolutamente delle notizie dei telegiornali (hanno distorto troppe cose, anche in maniera pesante).

-Che iniziative si possono fare, io mi limiterò ad elencare quelle che stiamo facendo a Torino:
*lezioni all'aperto, in piazza a turno per il prossimo mese si effettueranno lezioni universitarie, con il permesso per occupare il suolo pubblico. Fra l'altro per gli olimpionici prossimi alla scelta dell'università potrebbero essere una opportunità per chiarirsi le idee sugli argomenti universitari.
*manifestazioni
*presidio (porte aperte all'università di fisica), quella che viene chiamata occupazione sono conferenze dalle 8 fino all'una di notte aperte a tutti all'università di fisica in rappresentanza di tutta l'mfn. Fermarsi a dormire è solo un opportunità che viene data a chi non farebbe in tempo a tornare a casa all'una e ritornare alle 8 di mattina.
*volantinaggio etc, a Torino oltre a volantinare a spargere informazioni su quello che sta accadendo c'è la proposta di girare per la città con i camici bianchi da scienziati. sabato in piazza Vittorio ci sarà una "manifestazione" in questo senso.
*numerosi poi sono i blog e forum in cui girano tutte le informazioni. si sta anche cercando di scrivere ai giornali.

Protestare vuol poi semplicemente dire manifestare un dissenso, non serve andare in piazza per farlo, ogni piccola iniziativa, come anche scrivere "non sono d'accordo con la riforma" in questo forum, è protestare.
Tendo poi a sottolineare che i professori, il rettore e tutti i "dirigenti" scolastici sono d'accordo con noi e lottano con noi, ad esempio sono stati loro a concederci di poter rimanere a dormire a fisica. Per chi ha "paura" di manifestare vorrei sottolineare che solo il rettore può chiedere l'intervento delle forze dell'ordine negli edifici scolastici, cosa che ovviamente non gli passa per la testa di fare.
http://olimato.altervista.org/
L'uomo ha creato un dio vendicativo per i propri comodi e un satana per l'inferno che ha in se

mens
Messaggi: 12
Iscritto il: 16 set 2008, 16:01

Messaggio da mens » 24 ott 2008, 00:02

Pigkappa ha scritto:
mens ha scritto:Dico solo una cosa: i tagli li potrebbero fare alla difesa. Non abbiamo bisogno dell'esercito che pattugli le strade, ma di un buon futuro e a parer mio dall'istruzione passa il futuro del paese.

I soldi spesi dalla difesa, sono alcune decine di miliardi di euro, a memoria mi sembrano 33, molti di più di quelli che servono ad una buona istruzione......
In realtà, anche se pure questo si è saputo poco, nonostante i molti annunci sulla sicurezza hanno tagliato anche alle forze dell'ordine.
Scusa ma da quello che so le forze dell'ordine, tipo la polizia dipendono dal ministero degli interni e non da quello della difesa, che sempre da quello che so si occupa di esercito marina ecc.
La realtà è solo una teoria. [i]John Wheeler[/i]

Avatar utente
SkZ
Messaggi: 3333
Iscritto il: 03 ago 2006, 21:02
Località: Concepcion, Chile
Contatta:

Messaggio da SkZ » 24 ott 2008, 02:17

Non ti preoccupare: hanno tagliato ad entrambi.
Spero che non finiamo come negli USA, ove la Marina ha sfruttato il telefilm JAG per denunciare le condizioni in cui venivano fatti lavorare i soldati in Iraq (tipo giubbotti di scarsa qualita' causa tagli fondi, ovvero piu' morti).
impara il [tex]~\LaTeX[/tex] e mettilo da par[tex]\TeX~[/tex]

Software is like sex: it's better when it's free (Linus T.)
membro: Club Nostalgici
Non essere egoista, dona anche tu! http://fpv.hacknight.org/a8.php

Avatar utente
Children of the forest
Messaggi: 225
Iscritto il: 24 giu 2007, 17:22
Località: Provincia di Torino

Messaggio da Children of the forest » 24 ott 2008, 11:46

Questo è il programma delle lezioni all'aperto del dipartimento di matematica a Torino. Si svolgeranno in due piazze vicinissime a piazza Castello.

PROGRAMMA “LEZIONI ALL’APERTO” DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA

Lunedì 27 ottobre, Via Accademia delle Scienze 6
- 14.00-16.00 , Prof. Alessandro Andretta, Istituzioni di Logica

Martedì 28 ottobre, Piazza Carlo Alberto:
- 9.00-10.00, Prof. Angelo Negro, Istituzioni di Analisi
- 10.00-11.00, Prof. Ferdinando Arzarello, Introduzione al Pensiero matematico

Mercoledì 29 ottobre, Via Accademia delle
Scienze 6
- 9.00-11.00, Prof. Sandro Coriasco, Analisi Matematica II
- 11.00-13.00, Prof.ssa Luigia Caputo, Calcolo delle Probabilità e Statistica

Giovedì 30 ottobre, Via Accademia delle Scienze 6
- 15.00-16.00, Prof.ssa Anna Capietto, Analisi IV

Venerdì 31 ottobre, Piazza Carlo Alberto
- 10.00-12.00, Prof.ssa Cristina Zucca, Calcolo delle Probabilità II
- 12.00-13.00, Prof. Franco Pastrone, Fisica Matematica II
http://olimato.altervista.org/
L'uomo ha creato un dio vendicativo per i propri comodi e un satana per l'inferno che ha in se

Avatar utente
EUCLA
Messaggi: 771
Iscritto il: 21 apr 2005, 19:20
Località: Prato

Messaggio da EUCLA » 24 ott 2008, 12:05

Ecco, a Torino la cosa sembra sia stata gestita meglio.
Ti dico cosa succede qua a Firenze. Via via vengono occupati sempre più dipartimenti, credo per far sì che i giornali si accorgano di noi.

A scienze, le lezioni sono state sospese dal consiglio di facoltà. Solo a matematica, qualche professore voleva continuare a far lezione, ma gli è stato impedito dall'occupazione. Stanno cercando ora di coinvolgere sempre più facoltà, che vengono occupate con automatica sospensione delle lezioni.

Per le iniziative, abbiamo anche noi lezioni in piazza, anche se di carattere più divulgativo, c'è stato anche un incontro con la Hack, e tutto questo serve a coinvolgere anche gli esterni.

Personalmente non sono d'accordo con la sospensione della didattica (perdiamo un mese di lavoro) ma con le altre attività sì.

Avatar utente
SkZ
Messaggi: 3333
Iscritto il: 03 ago 2006, 21:02
Località: Concepcion, Chile
Contatta:

Messaggio da SkZ » 24 ott 2008, 14:54

A PD anni fa il prof Capaccioli minaccio di fare lezioni sotto un gazebo per smuovere l'ateneo/facolta' a trovare una sede per le aule per il dip di Astronomia. Dato che il quel periodo c'era una manifestazione culturale (mi pare a ricordo di Galileo), ottenne quel che voleva.
impara il [tex]~\LaTeX[/tex] e mettilo da par[tex]\TeX~[/tex]

Software is like sex: it's better when it's free (Linus T.)
membro: Club Nostalgici
Non essere egoista, dona anche tu! http://fpv.hacknight.org/a8.php

Avatar utente
Gatto
Messaggi: 487
Iscritto il: 25 nov 2007, 16:36
Località: Roma

Messaggio da Gatto » 24 ott 2008, 15:28

Ho letto solo ora la discussione qui.

Aggiungo che, qui a Roma, Sapienza e Roma3 (Torvergata non ho notizie certe ma penso anch'essa) stanno scendendo in piazza e si sono tenute (e si terranno) lezioni/conferenze sotto le sedi del potere e non solo.

Il fatto che la protesta coinvolga università di tutta Italia (e che sia appoggiata e sostenuta spesso da ricercatori/professori) dovrebbe far capire come non sia un modo degli studenti di perdere tempo (fatto sta che almeno da noi le lezioni si tengono regolarmente e gli altri giorni ci si organizza e si protesta) ma è qualcosa che si sente davvero.

E poi, chiudo con una battuta polemica, sembra assurdo che dopo che è stata tolta l'ICI "perchè non ci sono problemi di soldi" si attui una legge come questa.
"Fu chiaro sin dall'inizio che ogni qual volta c'era un lavoro da fare, il gatto si rendeva irreperibile." (George Orwell - La fattoria degli animali)

elendil
Messaggi: 78
Iscritto il: 17 lug 2008, 16:18
Località: Provincia di Pistoia

Messaggio da elendil » 24 ott 2008, 16:00

@Ratio: un mezzo per le proposte dovrebbe essere il parlamento degli studenti - sempre che si chiami così - che lo sento nominare solo quando c'è da eleggere uno della scuola che ne faccia parte... non so se abbia un qualche utilità ma dal momento che c'è a qualcosa servirà?

@Children of the forest: mi fa piacere che siate così ben organizzati e abbiate concepito l'occupazione come una soluzione costruttiva, ma ti garantisco che a livello di superiori (almeno qui) "occupazione" viene fatta con l'intenzione di sospendere le lezioni e andando fieri di "creare casino" per farsi sentire.

@Gatto: Relata refero (sto a più di 300km da Roma e non posso dire chi abbia ragione): su "La Nazione" (QN) di oggi a pagg. 8 e 9 vengono riportati i pareri di studenti della Sapienza secondo i quali: le lezioni sarebbero interrotte ogni 3 ore da chi entra e dice che c'è da fare assemblea, la didattica di Fisica sarebbe bloccata e ogni parola sarebbe coperta da musica a duemila... :shock:

Avatar utente
Gatto
Messaggi: 487
Iscritto il: 25 nov 2007, 16:36
Località: Roma

Messaggio da Gatto » 24 ott 2008, 19:50

@Elendil: Si lo so, infatti avevo specificato "almeno da noi" (cioè a roma3, forse mancava questa di precisazione :P)
"Fu chiaro sin dall'inizio che ogni qual volta c'era un lavoro da fare, il gatto si rendeva irreperibile." (George Orwell - La fattoria degli animali)

Avatar utente
Ratio
Messaggi: 62
Iscritto il: 29 nov 2007, 20:22
Località: Una realtà quadridimensionale (forse)

Messaggio da Ratio » 24 ott 2008, 21:57

elendil ha scritto:@Ratio: un mezzo per le proposte dovrebbe essere il parlamento degli studenti - sempre che si chiami così - che lo sento nominare solo quando c'è da eleggere uno della scuola che ne faccia parte... non so se abbia un qualche utilità ma dal momento che c'è a qualcosa servirà?
Sinceramente non credo di aver mai sentito questo nome. Parli forse della consulta? Bè, sappi allora che non è affatto un organo deliberativo, ma solo amministrativo.
Ma guardare in faccia alla realtà che i giovani non sono rappresentati è tanto difficile da accettare?
"L'apprendere molte cose non insegna l'intelligenza"
Eraclito

Avatar utente
Children of the forest
Messaggi: 225
Iscritto il: 24 giu 2007, 17:22
Località: Provincia di Torino

Messaggio da Children of the forest » 08 nov 2008, 01:26

A Torino, al dipartimento di matematica che a sede nel palazzo storico di Palazzo Campana sono state organizzate 3 serate di "porte aperte". Sono tre serate a libero ingresso con conferenze riguardanti la matematica e non solo.
Il programma preciso lo possiedo solo su carta, indicativamente le conferenze di matematica sono (tutte alle 21.30):

lunedì 10/11 prof. Beppe Scienza, matematico dell'economia (definizione personale)
- il risparmio tradito, matematica per risparmiatori al tempo del crack economico
martedì 11/11 prof. Piergiorgio Odifreddi, ex docente di matematica, (personaggio anche mediatico che sicuramente ci porterà un po' di attenzione)
- somme da manicomio
mercoledì 12/ prof. Conte, preside di Facoltà
-Lagrange cervello in fuga

Tanto per intenderci questo è quello che "il giornale" chiama "okkupazione", la presenza del preside (rettore) di facoltà a parlare dovrebbe però rispondere alle domandd: "è legale?" e "verranno occupate le aule e impedito di studiare a chi vuole?".
http://olimato.altervista.org/
L'uomo ha creato un dio vendicativo per i propri comodi e un satana per l'inferno che ha in se

Rispondi