come siamo messi con la letteratura?

Qui si parla del + e del -. Se per colpa della matematica ti hanno bandito dalla birreria, qui puoi sfogarti.

il vostro giudizio nei confronti della letteratura italiana

è la mia materia preferita
1
2%
è fra le mie materie preferite
24
43%
non mi piace
15
27%
la odio
7
13%
nessuna delle precedenti (indicare il vostro giudizio in questo caso)
9
16%
 
Voti totali: 56

Avatar utente
dimpim
Messaggi: 300
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Re: come siamo messi con la letteratura?

Messaggio da dimpim » 28 ott 2007, 14:19

Anlem ha scritto:
mod_2 ha scritto:è solo una mia curiosità, sapere a quante persone del forum piacciono la letteratura
a quante piace la grammatica no? :D
Io ho sempre odiato la grammatica (le uniche cose di grammatica che so le ho imparate traducendo in altre lingue, inglese, tedesco o latino che sia) ma in genere la letteratura (fatta bene) mi piaceva.

Avatar utente
mod_2
Messaggi: 726
Iscritto il: 18 ago 2007, 20:26
Località: In fondo a destra

Messaggio da mod_2 » 10 nov 2007, 13:26

è fra le mie materie preferite 46% [ 19 ]
comunque questo mi stupisce un pò :shock:
Appassionatamente BTA 197!

Avatar utente
SkZ
Messaggi: 3333
Iscritto il: 03 ago 2006, 21:02
Località: Concepcion, Chile
Contatta:

Messaggio da SkZ » 10 nov 2007, 14:10

io adoravo invece la grammatica: in Analisi del periodo mai preso meno di ottimo/molto buono :D
da un lato e' come l'analisi di funzione: smembri e analizzi le parti
impara il [tex]~\LaTeX[/tex] e mettilo da par[tex]\TeX~[/tex]

Software is like sex: it's better when it's free (Linus T.)
membro: Club Nostalgici
Non essere egoista, dona anche tu! http://fpv.hacknight.org/a8.php

Avatar utente
julio14
Messaggi: 1206
Iscritto il: 11 dic 2006, 18:52
Località: Pisa

Messaggio da julio14 » 10 nov 2007, 14:27

Quoto in pieno: la grammatica è tutta logica.
Imparata quella tutte le materie letterarie sono più facili, soprattutto latino.
Se sai la grammatica italiana quella latina è inutile!
"L'unica soluzione è (0;0;0)" "E chi te lo dice?" "Nessuno, ma chi se ne fotte"
[quote="Tibor Gallai"]Alla fine, anche le donne sono macchine di Turing, solo un po' meno deterministiche di noi.[/quote]
Non sono un uomo Joule!!!

Avatar utente
Russell
Messaggi: 148
Iscritto il: 23 ago 2007, 16:22
Località: Verona

Messaggio da Russell » 10 nov 2007, 16:48

Anch'io trovo bella la grammatica...proprio perchè è logica!
Riguardo al rapporto tra grammatica italiana e latina, penso che quella latina sia migliore da studiare: io ho imparato quella italiana attravero quella latina, ma non è secondo me possibile fare il contrario.
Inoltre la grammatica latina spiega molti fenomeni linguistici italiani: ha di certo una maggiore generalità, fatto, quest'ultimo, che alle persone di questo forum dovrebbe piacere tanto!
"Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa, non è affatto una prova che non sia completamente assurda" B. Russell

Sherlock
Messaggi: 601
Iscritto il: 24 nov 2006, 20:08
Località: Pisa & Barrafranca (Enna)

Messaggio da Sherlock » 10 nov 2007, 19:18

Russell ha scritto:Inoltre la grammatica latina spiega molti fenomeni linguistici italiani: ha di certo una maggiore generalità, fatto, quest'ultimo, che alle persone di questo forum dovrebbe piacere tanto!

Odio il latino :twisted: :twisted: e non sono nemmeno l'unico di questo forum :wink:


Anche se in effetti c'è da qualche parte su questo forum anche qualcuno che partecipa al certamen :shock: :shock: :shock:
[b]Membro Club Nostalgici[/b]

Catania 10/10/07

Io: Perché vuoi fare il matematico?
Lui: Se sei un dottore e qualcuno sta male ti svegliano la notte, se sei un ingegnere e crolla un ponte ti rompono ma se sei un matematico [b]CHI TI CERCA???[/b]

Avatar utente
Russell
Messaggi: 148
Iscritto il: 23 ago 2007, 16:22
Località: Verona

Messaggio da Russell » 10 nov 2007, 21:24

Gia!!! C'è perfino qualcuno che partecipa o ha partecipato al certamen....
IO... ad esempio :lol: :lol: :lol: !!!!!

Sono fermamente convinto che la matematica sia anche una materia linguistica...
Il linguaggio e le convenzioni grammaticali sono indispensabili per fare matematica come si deve...

Basta pensare all'uso degli articoli: "il", ad esempio, sta per unicità, "un" sta per possibile, ma non garantita, unicità... eccetera...
Ad esempio, in algebra diciamo "l'elemento neutro", e nel dire ciò precisiamo l'unicità dello stesso: in quell'articolo determinativo c'è addirittura un teorema!! E la convenzione grammaticale su quell'articolo ci consente di comunicarlo con due letterine dell'alfabeto!
Gran parte delle sottigliezze che costituiscono l'essenza della matematica sono cavilli linguistici!
"Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa, non è affatto una prova che non sia completamente assurda" B. Russell

Sherlock
Messaggi: 601
Iscritto il: 24 nov 2006, 20:08
Località: Pisa & Barrafranca (Enna)

Messaggio da Sherlock » 10 nov 2007, 21:42

Bannatelo per favore
[b]Membro Club Nostalgici[/b]

Catania 10/10/07

Io: Perché vuoi fare il matematico?
Lui: Se sei un dottore e qualcuno sta male ti svegliano la notte, se sei un ingegnere e crolla un ponte ti rompono ma se sei un matematico [b]CHI TI CERCA???[/b]

Avatar utente
mod_2
Messaggi: 726
Iscritto il: 18 ago 2007, 20:26
Località: In fondo a destra

Messaggio da mod_2 » 10 nov 2007, 22:02

Sherlock ha scritto:Bannatelo per favore
:lol: :lol: :lol:
Sherlock ha scritto:Odio il latino
Perché? A me piace, ma odio il metodo (Orberg) con cui viene insegnato, è terribilmente noioso, voi facevate il metodo tradizionale vero?
Appassionatamente BTA 197!

Sherlock
Messaggi: 601
Iscritto il: 24 nov 2006, 20:08
Località: Pisa & Barrafranca (Enna)

Messaggio da Sherlock » 10 nov 2007, 22:11

mod_2 ha scritto:Perché? A me piace, ma odio il metodo (Orberg) con cui viene insegnato, è terribilmente noioso, voi facevate il metodo tradizionale vero?
Io ho imparato a stento la prima declinazione, non ho idea del metodo che usavano nella mia scuola :shock: per quanto mi riguarda potevano benissimo dirmi che era latino e lasciare le versioni in italiano e non me ne sarei accorto di certo...
[b]Membro Club Nostalgici[/b]

Catania 10/10/07

Io: Perché vuoi fare il matematico?
Lui: Se sei un dottore e qualcuno sta male ti svegliano la notte, se sei un ingegnere e crolla un ponte ti rompono ma se sei un matematico [b]CHI TI CERCA???[/b]

Avatar utente
Russell
Messaggi: 148
Iscritto il: 23 ago 2007, 16:22
Località: Verona

Messaggio da Russell » 10 nov 2007, 23:06

Se per "metodo tradizionale" intendi studiare sodo e imparare tutto e bene...sì...proprio quello!!
Ho avuto una brava insegnante, che nonostante pretendesse molto è riuscita a farmi apprezzare la materia...

Non volevo essere drastico, ma penso sia evidente che la matematica ha la necessità di esprimersi con una precisione assoluta. I concetti sono però ben definiti e formati nella mente di una civiltà quando quest'ultima li inserisce nella propria grammatica. E' dimostrato che la grammatica riflette pesantemente il pensiero di una collettività ed i concetti che essa elabora: la mancanza di un concetto si traduce in mancanza di linguaggio, e poi in mancanza del simbolo che rimanda a quel concetto.
Tutto questo ha attinenza con le basi della matematica, materia in cui la comunicazione del concetto è essenziale. Certo non è indispensabile conoscere questo e quel complemento, ma è solo perchè il cervello fa un'analisi muta e automatica delle frasi, cioè fa grammatica a nostra insaputa! In realtà a scuola non si insegna "grammatica", bensì ad esplicitare la grammatica!

Comunque non pensiate che io sia un fanatico della letteratura: ho fatto il liceo scientifico e ora studio Matematica, non Lettere. E' solo che vedo la grammatica, intesa come linguaggio, fondamentale nella mia materia.

Questa discussione non è tuttavia nè inutile nè banale, ad esempio qui si parla di questo argomento, ma ci sono anche molti libri sulla questione...
"Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa, non è affatto una prova che non sia completamente assurda" B. Russell

Avatar utente
cathy_88
Messaggi: 63
Iscritto il: 09 ago 2007, 10:42
Località: Aci Sant'Antonio (Catania)

Messaggio da cathy_88 » 11 nov 2007, 10:49

Sherlock ha scritto:

Odio il latino :twisted: :twisted: e non sono nemmeno l'unico di questo forum :wink:


Anche se in effetti c'è da qualche parte su questo forum anche qualcuno che partecipa al certamen :shock: :shock: :shock:
beh poi il latino può talvolta essere utile a capire cosa dice il prof di analisi...rem tene verba sequentur... :lol: :lol:
ricorda latino e inglese sono requisiti fondamentali per cercare di capire le lezioni...di matematica...

[edit] corretta la frase latina.
Ultima modifica di cathy_88 il 11 nov 2007, 19:48, modificato 1 volta in totale.
"Il matematico è come l'archeologo...le ipotesi sono leggende, la tesi il manufatto, ma la dimostrazione è la ricerca selvaggia verso l'obiettivo." (Lui)

darkcrystal
Messaggi: 698
Iscritto il: 14 set 2005, 11:39
Località: Chiavari

Messaggio da darkcrystal » 11 nov 2007, 12:21

Mi permetto di fare il classicista (visto che, appunto, faccio il classico...)
A parte il fatto che "Rem TENE, verba sequentur" :), ritengo anche io che il latino possa essere molto utile come allenamento logico, in quanto conduce ad una riflessione esplicita sui fondamenti della grammatica che - come giustamente faceva notare qualcuno prima - è per buona parte "automatizzata" dal cervello: in quest'ottica è secondo me piuttosto utile! In fondo la logica ha dimostrato quanto sia importante uno studio accurato degli inganni del linguaggio...
"Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità dell'uomo, e non sono tanto sicuro della prima" - Einstein

Membro dell'EATO

Avatar utente
edriv
Messaggi: 1638
Iscritto il: 16 feb 2006, 19:47
Località: Gradisca d'Isonzo
Contatta:

Messaggio da edriv » 11 nov 2007, 13:49

cathy_88 ha scritto:
Sherlock ha scritto:
ricorda latino e inglese sono requisiti fondamentali per cercare di capire le lezioni...di matematica...
Sarà che non amo il latino ma qusta mi pare un po' troppo una cannonata!

killing_buddha
Messaggi: 209
Iscritto il: 20 mag 2007, 12:39

Messaggio da killing_buddha » 11 nov 2007, 13:59

Cubum autem in duos cubos, aut quadratoquadratorum in duos quadratoquadratos, et generaliter nullam in infinitum ultra quadratum potestatem in duos euisdem nominis fas est dividere cuius rei demonstrationem mirabilem sane detexi. Hanc marginis exiguitas non caperet
Corpus omne perseverare in statu suo quiescendi vel movendi uniformiter in directum, nisi quatenus a viribus impressis cogitur statum illum mutare.

Mutationem motus proportionalem esse vi motrici impressae, et fieri secundum lineam rectam qua vis illa imprimitur

Actioni contrariam semper et aeqalem esse reactionem: sive corporum duorum actiones in se mutuo semper esse æqualis et in partes contrarias dirigi.
Della serie, le idee sono invarianti per cambio di formalismo, ma così acquistano di certo più Bellezza.... ;)

Dimenticavo la piu bella in assoluto.
TRANSIRE SVVM PECTVS MVNDOQVE POTIRI

Rispondi