viva Ratzinger!

Qui si parla del + e del -. Se per colpa della matematica ti hanno bandito dalla birreria, qui puoi sfogarti.
Avatar utente
Fenicottero24
Messaggi: 10
Iscritto il: 20 apr 2005, 20:26
Località: Parma

Messaggio da Fenicottero24 » 28 apr 2005, 18:12

Beh, leggendo quello che hai scritto mi accorgo di non essere proprio un buon cristiano...
Nel senso che, pur avendo un fortissimo desiderio di seguire Cristo all'interno della Chiesa, mi faccio ancora un sacco di domande su di essa, e su ciò che dice.

Ad esempio, il dogma dell'infallibilità del papa, mi potresti spiegare da dove viene? Tra me e i miei amici se ne è sempre discusso molto, ma nessuno mi ha mai saputo dire da che cosa ha avuto origine.
Non ti sentire assediato: è solo una domanda, anche se non lo sai fa niente, dopotutto siamo tra matematici, non fra teologi. :lol: Te l'ho chiesto perché ho visto che eri preparatissimo sulle altre questioni, e ho pensato che forse tu potevi avere la risposta che cercavo.

In generale, mi sto facendo delle domande sui dogmi perché io ero sempre stato abituato a vedere una chiesa aperta e tollerante, cosa che era stata molto rafforzata dal cammino di fede che ho fatto all'interno degli scout, e allora mi hanno stupito certe prese di posizione molto rigide.

A proposito della bandiera, ho scritto la risposta qui, così non andiamo OT

enzo87
Messaggi: 5
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: AL

Messaggio da enzo87 » 28 apr 2005, 21:16

Prima del conclave confesso che anche io speravo che Ratzinger non venisse eletto, per molte ragioni che non sto a spiegare, ma ora preferisco aspettare e vedere come si comporta da Papa, dopo averlo osservato da Cardinale.
Io penso che la Chiesa abbia bisogno di una nuova spinta di svecchiamento, sulla scia del Concilio Vaticano 2°.
Questioni come l'uso degli anticoncezionali, della procreazione assistita, la ricerca medica sugli embrioni, il celibato dei preti, la xenofobia verso gli omosessuali, andrebbero prese in esame.
Non voglio entrare nel merito teologico, sono sicuro che un buon teologo saprebbe trovare nella Bibbia il passo o l'interpretazione giusta per giustificare un cambio di atteggiamento su uno di quei temi, mi limito a quello pratico:
Quanti oggi non usano i preservativi perché è vietato dalla Chiesa?
Quanti sono ancora disposti a non avere rapporti con donne per tutta la vita?
Quante coppie non ricorrerebbero alla procreazione assistita se gli fosse necessario?
A parte l'Italia non ci sono Stati, per quanto ne so, in cui la ricerca sulle staminali è vietata;
L'omosessualità é presente in tutte le società, da sempre, e molti omosessuali sono credenti.
Io non sono credente, lo chiarisco, ma penso semplicemente che per sopravvivere nella società moderna la Chiesa avrebbe bisogno di qualche apertura in questi sensi. Io spero che tu Melkon non faccia parte di questa categoria, ma ti assicuro che molti di quelli che si dicono credenti se ne fregano di quello che dice la Chiesa su quelle questioni, e oltre a questa ipocrisia, presente anche in molte altre forme, pesanti contraddizioni attraversano oggi la Chiesa: i missionari in Africa non possono consigliare l'uso dei contraccettivi per combattere l'AIDS e le troppe nascite!

vi chiedo scusa se sono andato troppo OT.. posso correggere il post.. non vorrei che questo topic venisse chiuso

Giggles
Messaggi: 82
Iscritto il: 26 apr 2005, 15:52
Località: Oriago
Contatta:

Messaggio da Giggles » 28 apr 2005, 21:34

non so che papa sarà, comunque non la vedo bene... Intanto...
Immagine

Giggles
Messaggi: 82
Iscritto il: 26 apr 2005, 15:52
Località: Oriago
Contatta:

Messaggio da Giggles » 28 apr 2005, 21:40

andatevela a vedere qua... è fantastica...
http://img58.echo.cx/my.php?image=ratzi ... ale2np.jpg

Avatar utente
Singollo
Messaggi: 122
Iscritto il: 26 feb 2005, 10:59

Messaggio da Singollo » 28 apr 2005, 22:51

Innanzitutto, Melkon, ti chiedo scusa se ti sei sentito offeso sulla questione del pensiero critico. Non era affatto mia intenzione.
Mi sa, però, che hai un concetto di libertà molto contorto! Un uomo costretto a vivere nel ricatto non è un uomo libero. D'altra parte, se il fine primo del nostro vivere fosse quello di salvarci, vivremmo soltanto per sopravvivere. E la nostra vita non sarebbe degna di essere chiamata tale.
Ma non continuo più di tanto perchè, senza alcun'offesa, mi sembra che con te sia un pò fiato sprecato. Accetti tutto ciò che ti viene proprinato; quasi garantisci, nei tuoi post, l'esistenza dell'inferno e del demonio. A me sembra proprio che manchi di pensiero critico, e non ho bisogno di conoscerti per farmi un opinione sulla tua persona, mi baso su ciò che leggo nei tuoi posts. Tantomeno ho necessità di fare allusioni di qualsiasi tipo, come tu invece sostieni.

Endorendil
Messaggi: 23
Iscritto il: 23 feb 2005, 23:42
Località: Torino

Messaggio da Endorendil » 28 apr 2005, 23:04

Fenicottero24
Ad esempio, il dogma dell'infallibilità del papa, mi potresti spiegare da dove viene?
Personalmente trovo il dogma dell'infallibilità una vera follia, e ci sono molti importanti teologi (vedi H. Kung, cui la Chiesa ha proibito di insegnare teologia in un'università pubblica in germania) che si scagliano contro questo dogma.
La sua storia è questa: durante il papato di Pio IX viene indetto il concilio ecumenico vaticano I, e proprio da questo concilio in poi (seconda metà dell'800!!!) il Papa è diventato infallibile, per suo stesso decreto!!! Ma chi può decretare dogmi in materia di fede? solamente chi è già infallibile in materia di fede... Altrimenti perchè non potrei dichiararmi anch'io infallibile in materia di fede?
Riguardo ai fondamenti scritturali di questo dogma, non ne ho mai sentito parlare, e un altro grande teologo (De Rosa) la ritiene "priva di validi fondamenti scritturistici".

Ciao a tutti =P

Avatar utente
Franchifis
Messaggi: 149
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa

Messaggio da Franchifis » 28 apr 2005, 23:35

Se il sacerdote fosse una donna... Una donna, Cristo??!
E chi senno', un ermafrodito? Mi spiego meglio, Dio doveva per forza scegliere uno dei due sessi per la sua progenie, non e' che avesse molta scelta e se avesse fatto una donna tutti avrebbero pensato che solo le donne possono diventari preti. Ma che ci puo' fare il povero Dio se scegliendo un sesso per la sua progenie esclude automaticamente l'altro dalle funzioni clericali? L'intenzione di Dio potrebbe essere stata quella di avere preti maschi e femmine, ma un sesso da dare al corpo lo doveva pur scegliere, e che diamine! Ed ha scelto un uomo perche' senno' una donna chi la stava a sentire nell'anno 0 quando le donne erano considerate inferiori. E' poi colpa degli uomini i quali danno interpretazioni fantasiose alle scritture. A meno che Gesu' non abbia espresso in qualche modo la sua volonta' di fondare una chiesa prevalentemente maschile, e questo non lo so perche' non sono un conoscitore della Bibbia. Mi viene da pensare che potrebbe essereci un motivo per cui i 12 apostoli erano tutti maschi, non e' che forse gli apostoli rappresentano i primi preti? In tal caso ti do' ragione, non saprei piu' che pensare. (Diamine mi sa che su questa finirai con l'avere ragione :? )
L'omossessualità è, a seconda dei casi, una malattia [...], o una scelta
No. Sulle questioni teologiche potrai avere tutta la ragione del mondo, ma stavolta hai torto marcio. Potresti dirmi che e' contro la volonta' di Dio, e questo lo accetteri (per forza, non sono credente...) ma non puoi dire che si tratta di una scelta. Non e' un opinione, e' una proposizione falsa. L'omosessualita' NON e' una scelta. Motivazioni:

1. In primis, che cosa ti fa pensare che sia una scelta? Te la detto il parroco? Lo ha detto Ratzinger? E lui che cosa diamine ne sa? Esiste una ragione che sia una in grado di supportare la tua tesi?
2. Secondo te, quale organizzazione tra l'Arcigay e la Chiesa Cattolica ne sa' di piu' sull'argomento?
3. Secondo te, chi mai in questo mondo "sceglierebbe" di "diventare omosessuale"? Chi mai sceglierebbe di vivere da emarginato, da privo di diritti basilari (convinvenza legalizzata, per citarne uno tra i molteplici), una vita di persecuzione in un mondo popolato da bravi persecutori cristiani?
4. Non esiste un libro serio di psicologia che affermi che l'omosessualita' e' una scelta. Non e' cio' che si insegna all'universita' (tranne forse alla facolta' di teologia, apparentemente, ma non in quella di psicologia).
5. Prova a fare un esperimento: "scegli" di diventare omosessuale al 100% per un giorno intero. Questo implica provare attrazione sessuale per uomini e non per le donne. Se ci riesci, batti un colpo.
6. Se fosse una scelta sarebbe facilissimo cambiare idea. Perche' allora tutti quelli che hanno subito persecuzioni in passato (molte delle quali da parte della chiesa cattolica, sai, non bruciavano solo le "strege" nel medioevo) non hanno "cambiato idea"? Sarebbe stato piu' pratico per persone come Alan Turing "cambiare idea" invece di essere torturati e morire in galera, non credi?
7. Perche' mai alcuni ragazzi si suicidano per il fatto di essere omosessuali quando potrebbero "scegliere" di non esserlo? Non ha alcun senso!

La lista potrebbe allungarsi molto ancora, ma per ora puo' bastare.

Avatar utente
dimpim
Messaggi: 300
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da dimpim » 29 apr 2005, 13:59

Dell'argomento so davvero ben poco, ma una cosa è certa: l'omosessualità esiste anche tra gli animali, quindi non è una "scelta" nel vero senso della parola...

Arbak87
Messaggi: 45
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Brescia

Messaggio da Arbak87 » 29 apr 2005, 20:18

Singollo ha scritto: Mi sa, però, che hai un concetto di libertà molto contorto! Un uomo costretto a vivere nel ricatto non è un uomo libero. D'altra parte, se il fine primo del nostro vivere fosse quello di salvarci, vivremmo soltanto per sopravvivere. E la nostra vita non sarebbe degna di essere chiamata tale.
Se la fede è vera, seguire l'insegnamento di Cristo non è un dovere ma un piacere, un atto che ti riempie di gioia. Il messaggio del nuovo testamento in questo senso è abbastanza chiaro, la visione rispetto al passato cambia, Dio non è rappresentato come un Re vendicativo ma come un Padre Misericordioso.
Il ricatto è tale solo nel momento in cui sento l'insegnamento di Cristo come una legge imposta. Sono convinta che l'insegnamento di Gesù Cristo sia eterno e che sia a misura d'uomo.

kemhONE
Messaggi: 54
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da kemhONE » 30 apr 2005, 12:36

Ciao.
Non voglio entrare nel discorso religioso perché non mi sembra il luogo più adatto.
Però quando è troppo è troppo... :D
Melkon ha scritto:[NON è nella natura di una persona essere omosessuale. La natura dell'uomo è andare con le donne, e viceversa. E qui non puoi non essere daccordo!
Posso eccome... Da millenni le unioni omosessuali sono sempre state considerate normali; mi dispiace dirlo, ma etichettare come sbagliati gli istinti naturali di certe persone denota una certa chiusura mentale.
L'omossessualità è, a seconda dei casi, una malattia (molto, molto rara, ne abbiamo parlato qualche tempo fa ad una assemblea di istituto), o una scelta
Ecco. Qui stiamo esagerando. Con tutto il rispetto, questa è ignoranza. Il discorso della malattia non merita di essere trattato, da quanto è assurdo e degradante. Per chiarirci le idee, essere omosessuali non è una scelta. Non si sceglie di essere etero\omo\bisessuali come si sceglie dove andare all'università. Del resto, perché dovrei scegliere di essere omosessuale? Andrei incontro ai pregiudizi e al razzismo della gente. Semplicemente, un gay prova pulsioni sessuali verso un tipo di persona diverso dalla tua. Nulla di più, nulla di meno.
A me dispiace se due persone fanno questa scelta (anche se la fa uno solo, in realtà...), ma non posso non accettare la decisione, per quanto, come detto, sono dispiaciuto per loro. Che però vengano proposti e legalizzati ARCIGAY e simili, eh no, qui sono il primo ad oppormi.
Non essendo una scelta, il tuo discorso non regge. Se sono gay, perché dovrei andare all'inferno? Perché non dovrei sposarmi? Possiamo discutere sull'opportunità di creare sindacati ed associazioni, considerando i gay una categoria, ma negare diritti fondamentali, beh questo no.
Spero di non essere stato troppo duro.. :)
Ciao.

Fede_Coach
Messaggi: 4
Iscritto il: 23 mar 2005, 10:20
Località: Tuenno
Contatta:

Messaggio da Fede_Coach » 30 apr 2005, 19:05

kemhONE ha scritto:Se sono gay, perché dovrei andare all'inferno? Perché non dovrei sposarmi?
All'inferno? Perché un gay dovrebbe andare all'inferno??
Poi, sono a favore delle coppie di fatto omosessuali, mi sembra giusto dare a queste coppie la possibilità almeno giuridica (e quindi eredità eccetera) di essere riconosciute, però sinceramente io non lo chiamerei matrimonio. Per il resto, dato che l'omosessualità non è una scelta, mi sembra un dovere dare agli omosessuali gli stessi diritti che hanno tutti gli altri cittadini.

Avatar utente
Melkon
Messaggi: 259
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Ferrara

Messaggio da Melkon » 01 mag 2005, 11:34

Fede_Coach ha scritto:All'inferno? Perché un gay dovrebbe andare all'inferno??
Caro fede_coach, benvenuto sul forum!

Su che cosa sia l'omosessualità, o da cosa sia causata (se è causata da qualche cosa), se sia giusto o sbagliato essere gay, se questi devono avere i 'diritti fondamentali, se essere gay sia contro natura o no, insomma sulle questioni puramente sociali, ne possiamo tranquillamente parlare. Ma scusa tanto se ti dico che secondo la morale cattolica, se sei gay e muori impenitente, vai all'inferno, perché l'omossessualità è un peccato contro Dio e contro natura. Questa affermazione mi dispiace ma non puoi contestarla, perché è intrinsecamente nella dottrina cattolica, per cui se sei cattolico dopo averla capita e ponderata e messa in gioco (perché anche all'interno dei cattolici, nel percorso di ogni persona DEVE esserci una discussione critica di tutte le verità, eccetto i dogmi, e C'È un pensiero critico, al contrario di quello che afferma Singollo, e quindi anche tu fenicottero24, tranquillo!) la accetti, se non lo sei, che cosa stai contestando scusa?
Enzo87 ha scritto:Quanti oggi non usano i preservativi perché è vietato dalla Chiesa? Quanti sono ancora disposti a non avere rapporti con donne per tutta la vita? Quante coppie non ricorrerebbero alla procreazione assistita se gli fosse necessario?
Sulla prima domanda (retorica): per iniziare, io. Ma comunque vorrei chiarire che non è perché è 'VIETATO DALLA CHIESA'... cioè, è sbagliato vedere le prescrizioni della Chiesa come delle restrizioni che limitano la tua libertà senza motivi sensati... Parafrasando il nuovo papa, Gesù ci spoglia di quegli aspetti odiosi, ci chiede che rinunciamo ai nostri difetti, e ci ricopre di grazie senza fine. Per un cattolico le leggi del Signore sono dolci gioghi!
Poi, a che cosa ti riferisci con la seconda domanda? Perché a nessuno è imposto di rinunciare ad avere rapporti sessuali con il/la proprio/a marito/moglie. E la scelta di diventare consacrato e quindi accettare la verginità non è la strada di tutti, e non è una scelta facile. E anche una volta che uno entra in seminario, o una ragazza decide di entrare in clausura, per esempio, si hanno tutte le possibilità di cambiare idea, fino a quando non vieni consacrato e talvolta anche un po' oltre. Poi, che ci siano o siano stati episodi tipo la monaca di Monza... sicuramente si, ma sono casi isolati, e molto rari. Un po' come per l'inquisizione.
dimpim ha scritto:Dell'argomento so davvero ben poco, ma una cosa è certa: l'omosessualità esiste anche tra gli animali, quindi non è una "scelta" nel vero senso della parola...
Urca urca tirulero, mi cogli impreparato. Non sapevo che ci fossero fenomeni simili. Magari puoi documentare questa cosa, o dirmi dove posso informarmi meglio, perché non l'avevo davvero mai sentito! Grassie...
"Bisogna vivere come si pensa, se no, prima o poi, ci si troverà a pensare come si è vissuto"
Paul Borget

Avatar utente
Singollo
Messaggi: 122
Iscritto il: 26 feb 2005, 10:59

Messaggio da Singollo » 01 mag 2005, 12:11

L'uomo non stolto prima pensa e poi crede!

Azarus
Messaggi: 580
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa

Messaggio da Azarus » 03 mag 2005, 11:12

Come dice Altan sull'Espresso:

- Un nuovo Papa significa attese e incognite e speranze!

- Poi ci si abitua.

Avatar utente
Wilddiamond
Messaggi: 348
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: S.Anna - Pisa ...e Montale (PT)

Messaggio da Wilddiamond » 03 mag 2005, 17:05

Come scrisse Altan quattro anni addietro su altre elezioni:

- ''Poteva andare peggio...''

- ''No.''
-- Io sono fiero del mio sognare, di questo eterno mio incespicare --

F.Guccini "Quattro stracci" 1996

Bloccato