Linguaggio e matematica

Qui si parla del + e del -. Se per colpa della matematica ti hanno bandito dalla birreria, qui puoi sfogarti.
Rispondi

Il linguaggio può influenzare l'apprendimento della matematica?

SI
18
58%
NO
13
42%
 
Voti totali: 31

mizu
Messaggi: 17
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Linguaggio e matematica

Messaggio da mizu » 12 mar 2005, 23:18

Può il linguaggio, cioè la lingua parlata in un determinato luogo, influenzare l'apprendimento della matematica o in generale "l'abilità matematica"?

Avatar utente
pazqo
Messaggi: 155
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: san giorgio di nogaro
Contatta:

Messaggio da pazqo » 13 mar 2005, 01:53

Ho seguito una conferenza sull'argomento in autunno.
Sembra che lingue come l'arabo abbiano una struttura logica molto vicina a quella matematica. Poche parole, ma mettendole assieme si costruiscono sintagmi molto complicati: ad esempio, invece di "casa" si può dire "dove si abita", e si coniuga in numero e genere l'intera espressione. Queste lingue perdono colpi sulla consecutio temporum, avendo pochi tempi verbali. Tuttavia, questa struttura di "scatole cinesi" permette di costruire perifrastiche molto complicate, che sarebbero molto più complicateda rendere in italiano.
Questo non significa che in arabia siano più bravi in matematica. Però, in teoria, la loro lingua è più "logica".
Se dovessimo fare gli statistici, direi che la lingua che maggiormente influenza la capacità matematica è il cinese. Anche perché, assieme all'hindù, è la lingua più parlata al mondo :-)
Stefano 'Pazqo' Pascolutti

A good mathematical joke is better, and better mathematics, than a dozen of mediocre papers -John Edensor LITTLEWOOD-

Use [tex]\LaTeX[/tex] in your math messages!

www.pazqo.altervista.org

MindFlyer

Messaggio da MindFlyer » 13 mar 2005, 07:30

Nota linguistica:
"mizu" significa "acqua" in Giapponese. :D

mizu
Messaggi: 17
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da mizu » 13 mar 2005, 10:04

MindFlyer ha scritto:Nota linguistica:
"mizu" significa "acqua" in Giapponese. :D
Conosci il giapponese?

Avatar utente
Melkon
Messaggi: 259
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Ferrara

Messaggio da Melkon » 13 mar 2005, 15:29

secondo me, no. (rispondo al sondaggio, non metto in dubbio abilità linguistiche di Mind...!)
Tant'è che tante volte si ha un idea precisa di come risolvere un problema, ma spiegarlo e formalizzarlo è un casino! (o forse questa è dislessia?!?...)
"Bisogna vivere come si pensa, se no, prima o poi, ci si troverà a pensare come si è vissuto"
Paul Borget

Avatar utente
Marco
Site Admin
Messaggi: 1331
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: IMO '93

Messaggio da Marco » 16 mar 2005, 15:00

Secondo me sì. Provate ad andarvi a leggere come venivano espresse le equazioni ai tempi di Fibonacci o giù di lì e vi chiederete come diavolo hanno fatto Cardano e compagnia briscola per risolvere eqz di terzo e quarto grado....

Loth
Messaggi: 153
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Genova
Contatta:

Messaggio da Loth » 16 mar 2005, 17:35

Marco ha scritto:Secondo me sì. Provate ad andarvi a leggere come venivano espresse le equazioni ai tempi di Fibonacci o giù di lì e vi chiederete come diavolo hanno fatto Cardano e compagnia briscola per risolvere eqz di terzo e quarto grado....
Tanto per fare un esempio:
Quando le cose e li cubi si eguagliano al numero, ridurrai l’equazione a 1 cubo partendo per la quantità delli cubi, poi cuba la terza parte delle cose, poi quadra metà dil numero e questo suma con il detto cubato, et la radice di detta summa più la metà del numero fa un binomio et la radice cuba di tal binomio, men la radice cuba del suo residuo val la cosa
Di che si parla secondo voi?

Rispondi