Eccomi qua

Ti sei appena iscritto e vuoi farti conoscere dal resto della comunità? Raccontaci tutto di te!
Rispondi
Ospite

Eccomi qua

Messaggio da Ospite » 14 ott 2005, 14:49

Scusate il titolo del topic un po' banale, ma questa è la sezione delle presentazioni e così eccomi qua.
Sono un Matematico, prima ancora che un laureato in Matematica (sono un po' presuntuoso) ultimamente impegnato nel settore industriale (unico ricercatore su 450 dipendenti).
Sono sempre stato convinto che ogni azienda ha bisogno di matematici (uno o più) ed ora sto sperimentando sulla mia pelle quanto fosse fondata questa mia idea.
Ma la matematica, più che un lavoro, per me è una questione di vita. Ormai sto imparando a vederla ovunque.

fph
Site Admin
Messaggi: 3761
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: in giro
Contatta:

Messaggio da fph » 14 ott 2005, 15:02

Interessante... Dove lavori? Che cosa ti fanno fare? Racconta, racconta, sono (e /siamo/, credo) curioso (/i).
--federico
[tex]\frac1{\sqrt2}\bigl(\left|\text{loves me}\right\rangle+\left|\text{loves me not}\right\rangle\bigr)[/tex]

Avatar utente
Marco
Site Admin
Messaggi: 1331
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: IMO '93

Messaggio da Marco » 14 ott 2005, 15:21

Sì dai, dicci, dicci.

E, btw, benvenuto sul Forum.
[i:2epswnx1]già ambasciatore ufficiale di RM in Londra[/i:2epswnx1]
- - - - -
"Well, master, we're in a fix and no mistake."

Ospite

Messaggio da Ospite » 14 ott 2005, 17:00

fph ha scritto:Interessante... Dove lavori? Che cosa ti fanno fare? Racconta, racconta, sono (e /siamo/, credo) curioso (/i).
Dunque, diciamo che non sto proprio lavorando. Ho seguito il Master in Applicazioni della Matematica all'Industria presso la Bicocca di Milano e dora sto facendo lo stage di fine master, iniziato il 1° settembre e finirò il 7 dicembre.
Preferirei nn scendere troppo in dettagli, perché non sono ancora pratico abbastanza col lovello di discrezione che richiede il mio incarico.
Posso però dire che faccio (beh, diciamo che ci provo) proprio un lavoro da matematico. Il mio tutor è convinto che la vera innovazione tecnologica parta dall'innovare nella matematica; lui ha una certa ideuzza di appliccare un metodo ultimamente studiatissimo nelle università che però non è mai stato usato nel nostro campo. Quindi il mio lavoro consiste nello studiarmi tutto quanto lui mi da, alla ricerca di quello che fa al caso nostro.
È un progetto molto a lungo termine, ben al di là dei miei tre mesi di stage ed il mio tutor ha già chiesto all'azienda se posso fermarmi, non so bene in che forma.
Paradossalmente non gli serve neanche un matematico applicativo, preferisce un puro perché per le applicazioni ci sono già tutti (ingegneri di tutti i tipi, informatici, programmatori, periti meccanici etc.).
il problema sono io, nel senso di capire se sono in grado perché il tema è molto ambizioso, ai confini della ricerca accademica e fino ad agosto non ne sapevo nulla. Io ho fatto matematica indirizzo didattico uscendo con 88 dopo 7 anni: non sono propriamente lo studente modello.

Avatar utente
desko
Messaggi: 267
Iscritto il: 17 ott 2005, 07:59
Località: Modena 44°37'19,40" N 10°56'09,44" E

Arieccomi qua

Messaggio da desko » 17 ott 2005, 08:02

non so bene cosa sia successo, anche se un'idea ce l'ho, fatto sta che mi sono ritrovato non più registrato e quindi ho rifatto la procedura di registrazione con lo stesso nome utente, ma i miei precedenti messaggi ora risultano di un anonimo ospite, ma sono sempre io.
"Caso è lo pseudonimo usato da Dio quando non vuole firmare col proprio nome"

quismulta
Messaggi: 29
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da quismulta » 28 ott 2005, 17:56

uscendo con 88 dopo 7 anni
Il minimo è 66?

Avatar utente
desko
Messaggi: 267
Iscritto il: 17 ott 2005, 07:59
Località: Modena 44°37'19,40" N 10°56'09,44" E

Messaggio da desko » 03 nov 2005, 07:35

quismulta ha scritto:
uscendo con 88 dopo 7 anni
Il minimo è 66?
Sì.
Diciamo che di norma il minimo (per la promozione) è il 60% del massimo, a scuola 6 su 10, alla maturità vecchio tipo 36 su 60, alla maturità nuovo tipo 60 su 100, all'università 18 su 30, alla laurea 66 su 110. Ma esistono anche università (ho in mente il Politecnico di Milano) che hanno come massimo 100 e quindi la sufficienza è 60.
"Caso è lo pseudonimo usato da Dio quando non vuole firmare col proprio nome"

Susy#11
Messaggi: 6
Iscritto il: 20 lug 2006, 21:37

Re: Mmmm

Messaggio da Susy#11 » 20 lug 2006, 22:02

Che si può fare con una laurea in matematica?

fur3770

Re: Mmmm

Messaggio da fur3770 » 20 lug 2006, 22:22

Susy#11 ha scritto:Che si può fare con una laurea in matematica?
insegnare, programmare , fare la segretaria
oppure qualsiasi lavoro non qualificato :)

Avatar utente
teppic
Moderatore
Messaggi: 689
Iscritto il: 26 ago 2005, 09:50
Località: Parma
Contatta:

Messaggio da teppic » 21 lug 2006, 00:21

...dirigente d'azienda, scrittore, consulente, professionista...

I matematici canonici di solito fanno altre cose, ma ce ne sono anche che fanno lavori diversi e magari per te più interessanti (ne conosco qualcuno).

Mi dirai che sono una minoranza, ma è un fatto che chi si iscrive a matematica raramente ha chiara in testa l'idea di fare il professionista e quindi poi alla fine i professionisti matematici sono (troppo) pochi.

Però la laurea in matematica non impedisce praticamente nessuna strada, anzi fornisce strumenti che si possono rendere utili un po' in tutti i campi. (Onde evitare facili contestazioni, mi riferisco all'impostazione mentale e alla capacità di matemattizzare i problemi, non - che so - alla geometria superiore.)

fur3770

Messaggio da fur3770 » 21 lug 2006, 00:38

nella pratica non serve matematizzare un bel niente. ci vuole solo una grande elasticità e lo spirito ingegnoso. se cominci a matematizzare t'incarti e non risolvi nulla.
dirigente d'azienda?? ma scusa il dirigente d'azienda lo fa mio zio con la 3 media: dirige una fabbrica di pomodori pelati. Per questi lavori non serve aver studiato matematica e non ser4ve matematizzare... servono capacità organizzative e sapersi inserire nel mercato. nel mercato poi non serve risolvere equazioni impossibili o problemi probabilistici stile IMO ma serve grande esperienza e furbizia..nonchè grande fortuna e sapersi fare gli amici (fornitori,acquirenti) giusti.

Ah, cari ragazzi, continuate a sognare dicendo che chi si laurea in mate può far tutto, chi in ingegneria meccanica può andare alla ferrari. Ma alla ferrari ci va se è nato ingegnere, se è davvero ingegnoso...così come non escludo che il laureato in matematica possa fare il dirigente d'azienda.. ma questo non per la formazione matematica ma..se è capace di farlo e queste capacità non le da lo studio, così come ho pensato per vari anni per poi rendermi conto che è assolutamente falso questo migliorare con lo studio.falsissimo,a meno di non essere fantasiosi e davvero bravi in quella materia. :roll:

Susy#11
Messaggi: 6
Iscritto il: 20 lug 2006, 21:37

Eccomi :)

Messaggio da Susy#11 » 21 lug 2006, 11:25

Vi ringrazio della vostra attenzione!
In effetti io devo frequentare l'ultimo anno di liceo scientifico e mi sto ponendo il problema di quale facoltà scegliere per l'anno venturo...
Mio padre mi ha sempre istigato "matematica" ma il mio terrore é di finire nelle scuole...

A me piace la Matematica! Beh, quest'anno ho partecipato alle Olimpiadi di Matematica e mi sono classificata 14^ nella prov di Napoli...
Ho sempre glorificato la matematica come fonte più certa di verità!
Condivido anche un'espressione felice del matematico tedesco Weierstrass Karl:
"un matematico, che non sia anche un pò poeta, non sarà mai un matematico completo"

Penso che la poesia e la matematica abbiano molto in comune.
Parole e numeri hanno la stessa potenzialità cioè di spiegare la natura solo che le prime colpiscono il cuore i secondi la mente ma lo spirito é lo stesso.

Se un giorno dovessi diventare un matematico mi immagino così, anche un pò poeta, come già spesso mi capita, in fondo siamo tutti poeti e l'arte di estrapolare le cose é propria della Matematica!

Saluti e baci a tutti Mariassunta

Rispondi