io sono io ma voi???

Ti sei appena iscritto e vuoi farti conoscere dal resto della comunità? Raccontaci tutto di te!
Nouth
Messaggi: 42
Iscritto il: 26 feb 2005, 17:28
Località: Brogliano sperduto paese nella di Vicenza provincia

io sono io ma voi???

Messaggio da Nouth » 26 feb 2005, 18:52

Mi presento [che inizio originale] sono Mirco, 18 anni a luglio freguento la quarta itis, (specializzazione informatica); io ho delle modeste capacita in matematica, piu che suffcienti per qualificarmi ogni anno sia alle olimpiadi sia ai giochi; ma vedo che qui mi trovao fra dei giganti!!! ma chi siete voi?? dei laurati in astrofisica??? nel senso che mi sembra che abbiate delle conoscenze elevatissime!! vabbè che all'itis non facciamo una matematica specidfica sulle dimostrazioni e teoremi; ma mi sembra che qui si esageri; mi riferisco al gioco della vita; combinmazioni(io le studio a scuola ma sono poche quelle che lo trattano); voi avete fatto un scuola per geni??
Nouth

fph
Site Admin
Messaggi: 3763
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: in giro
Contatta:

Messaggio da fph » 27 feb 2005, 10:41

Ciao Nouth e benvenuto in questo forum.
Ti svelo subito perche' la maggior parte degli utenti che vedi qui sembra "laureata in astrofisica": e' perche' in molti casi si tratta davvero di studenti universitari. Questo forum col tempo si e' riempito di studenti universitari (e post-universitari, alcuni sono gia' bell'e laureati): la maggior parte sono ex-utenti (ed ex-olimpiadisti) degli anni scorsi che mantengono il gusto per i problemi ma cercano di incorporarci le loro nuove conoscenze.
Questo ha fatto un pochino degenerare il forum: i "vecchi" spesso non solo postano problemi estremamente difficili o tecnici, ma a volte risolvono quelli piu' abbordabili proposti da altri (magari aggiungendoci "beh, questo era davvero facile" per far piombare nello sconforto i pochi liceali ancora presenti).

Nel complesso questo ha reso il forum parecchio meno "accogliente" per i nuovi utenti in cerca di problemi per farsi le ossa.
Se sei in cerca di problemi non troppo difficili, tieni d'occhio innanzitutto la sezione "problem solving olimpico" (anche se devi tener conto che a volte li' si trovano cose estremamente difficili, o cose offuscate dalla notazione tipo-"universitaria" (vero, Hitleuler?)).
Inoltre, nella sezione "vecchio forum" ci sono degli ottimi problemi di EvaristeG di geometria e algebra (li trovi su http://olimpiadi.ing.unipi.it/oliForum/ ... php?t=3108 e http://olimpiadi.ing.unipi.it/oliForum/ ... php?t=3064).
Oppure (appena troveranno una sistemazione "decente" nel nuovo sito) ci sono i "giornalini della matematica", che sono fatti apposta per allenarsi.
Se sei in cerca di qualcuno della tua eta' con cui parlare, le sezioni meno "inquinate" dagli universitari per ora sembrano "Mi presento", "Olimpiadi della Matematica" e la birreria.
Se stai cercando dei libri, o dei documenti scaricabili da internet che parlino di teoria, chiedi pure in giro e ti consiglieremo qualcosa (specifica argomento e livello...).

Intanto mi scuso se questo forum, cosi' com'e', non viene molto incontro a chi e' nella tua situazione. Anche se, paradossalmente, e' proprio destinato a voi.

Buona navigazione, e "benvenuto" a un altro appassionato di matematica olimpica.

ciao
--federico (anch'io ex-olimpiadista e studente universitario :oops: )

Avatar utente
HiTLeuLeR
Messaggi: 1874
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Reggio di Calabria

Messaggio da HiTLeuLeR » 27 feb 2005, 14:26

fph ha scritto:[...] Devi tener conto che a volte li' si trovano cose estremamente difficili, o cose offuscate dalla notazione tipo-"universitaria" (vero, Hitleuler?)
Sì, vero (btw, leggo soltanto adesso questo tuo intervento, fph, su segnalazione - peraltro - di un utente un po' "spione" :wink:)!!! Parlo della notazione, sia ben chiaro... A volte mi lascio prendere la mano, non tento neppure di negarlo. In ogni caso, chiedere delucidazioni non costa nulla, questa è la mia posizione a riguardo. In quanto alla difficoltà presunta dei problemi proposti in quella sezione (parlo dei miei, visto che mi trovo direttamente tirato in causa), boh... per quel che può valere, su questo punto non mi trovi d'accordo. In tal senso, l'esempio del teorema di Gosper (vedi qui) è piuttosto emblematico: la dimo di Mind è totalmente elementare, ogni ragazzo di età liceale che conosca giusto alcune definizioni (cos'è un coefficiente binomiale? E cosa un numero primo?!?) e i risultati di base della teoria delle congruenze avrebbe potuto esibirla senza alcun problema particolare. Siamo comunque nel campo delle opinioni, e pertanto... uni cuique suam. Bon, ciò detto... saluti!!! :)
Ultima modifica di HiTLeuLeR il 28 feb 2005, 13:37, modificato 1 volta in totale.

Nouth
Messaggi: 42
Iscritto il: 26 feb 2005, 17:28
Località: Brogliano sperduto paese nella di Vicenza provincia

Messaggio da Nouth » 28 feb 2005, 10:49

scusate ma perchè usate il termine età liceale?? non solo i liceali sanno far di conto; ad esempio come ho già detto io faccio l'itis; poi Hitleuler da quel che so i liceali non studiano le combinazioni, o almeno fino alla quinta,
- "risultati di base della teoria delle congruenze" ehhh??? cosa sono??
comunque se vi puo essere utile io trovo maggior difficoltà a capire i testi dei problemi che le soluzioni, spesso per via del linguaggio troppo specifico
Nouth

Avatar utente
Marco
Site Admin
Messaggi: 1331
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: IMO '93

Messaggio da Marco » 28 feb 2005, 10:59

Giusto. Nouth ha perfettamente ragione e penso che ad Fph sia scappato un lapsus. Sicuramente il sito è pensato per gli studenti di scuola media superiore, a prescindere dal tipo e dagli indirizzi di ogni scuola. In questo senso, Nouth, devi intendere il termine liceale. Sicuramente non devi interpretare la frase come una sorta di discriminazione nei confronti dei non liceali: semplicemente è molto più frequente incontrare un appassionato di matematica tra gli studenti di liceo scientifico che altrove.

E, per spezzare una lancia a favore dei non liceali, ricordo che il migliore studente del mio anno di matematica, ha il diploma di Ragioneria.
[i:2epswnx1]già ambasciatore ufficiale di RM in Londra[/i:2epswnx1]
- - - - -
"Well, master, we're in a fix and no mistake."

fph
Site Admin
Messaggi: 3763
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: in giro
Contatta:

Messaggio da fph » 28 feb 2005, 12:09

Chiedo perdono, effettivamente e' stato un errore mio, nessun tentativo di discriminare chi fa gli ITIS. Semplicemente mi e' venuto da scrivere liceali perche' e' piu' corto di "studenti delle scuole superiori", li' per li' non ho pensato al fatto che i liceali ne sono solo un sottoinsieme.

Quanto alla notazione... la tua risposta mi conferma il fatto che la notazione di HitlEuler puo' risultare un po' ostica (come suggeriva la mia frecciatina).
In effetti, Hitl, nello stesso thread di cui tu parli (per non andare a cercare negli altri) compaiono un accenno ai "sottogruppi (Z/nZ)*" e un mucchio di produttorie che potrebbero essere sostituite con dei "prodotti con i puntini in mezzo" come fa invece (ad esempio) MindFryer. Puo' sembrarti un peccato veniale ma sono cose come queste che contribuiscono a rendere il forum meno leggibile per l'occasionale studente delle scuole superiori che arriva.

ciao a tutti,
--federico
--federico
[tex]\frac1{\sqrt2}\bigl(\left|\text{loves me}\right\rangle+\left|\text{loves me not}\right\rangle\bigr)[/tex]

Avatar utente
HiTLeuLeR
Messaggi: 1874
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Reggio di Calabria

Messaggio da HiTLeuLeR » 28 feb 2005, 13:55

A costo di ripetermi, riconosco che, in quanto ad alcune notazioni (e nella fattispecie, mi riferisco proprio a quelle benedette produttorie), tu abbia pienamente ragione, fph, e prometto che in futuro tenterò di rendermi più leggibile! Altro discorso, invece, è la storia dei sottogruppi. In quel caso, se proprio debbo dirla tutta, l'unico rimprovero che posso indirizzarmi è di aver voluto a tutti costi, con la caparbietà cocciuta ch'è solita dei muli, scremare quel che v'era di buono nella soluzione di gip, tutto lì. Siccome questa tirava in ballo gruppi, sottogruppi, campi e compagnia bella, di conseguenza mi sono adattato, tutto lì. Per di più, con la consueta leggerezza cui amo accompagnarmi, ho pure precisato (da qualche parte) che quei post, di fatto, poco si prestano alla lettura da parte di un pubblico non universitario, per cui... Vabbe', non intendo aggiungere altro, questo è quanto! Saluti e abbracci, e alla prossima.

Nouth
Messaggi: 42
Iscritto il: 26 feb 2005, 17:28
Località: Brogliano sperduto paese nella di Vicenza provincia

Messaggio da Nouth » 28 feb 2005, 13:59

devo dire che mi aspetavo una accoglienza peggiore leggendo i vostri post;
comunque io ho discusso con piu di un amico del liceo e della ragioneria sulle cose che ci insegnano ed è emerso che ogni scuola insegna cose non trattate nelle altre, ad esempio io faccio calcolo e quindi conosco il calcolo combinatorio, coefficienti binomiali, etc..; alla ragioneria fanno formule specifiche soprrattutto sugli interessi, calcolo del montante etc.., al liceo credo che studino meglio teoremi e affini, ma niente di specifico, corregetemi se sbaglio.

se dovessi tornare indietro nel tempo a riscegliere la scuola superiore sceglierei sicuramente il liceo, o al massimo la ragioneria, ma non per le materie insegnate; alla fine se si vuole sapere qualcosa bisogna interessarsi per conto proprio, sceglierei quella con piu ragazze!!

Avatar utente
HiTLeuLeR
Messaggi: 1874
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Reggio di Calabria

Messaggio da HiTLeuLeR » 28 feb 2005, 14:00

Nouth ha scritto:scusate ma perchè usate il termine età liceale?? non solo i liceali sanno far di conto
Scusa me, piuttosto, maaa... Uno studente dell'ITIS - come te, per esempio - non è forse pure uno studente di età liceale $ (*) $? E soprattutto... Quando mai è stato detto che i liceali sanno far di conto e tutti gli altri, 'nvece, riescono a stento a tener fermo il calamo sulle temute pagine del quaderno a quadri?!? Baaah, la logica deduttiva... :shock:

$ (*): $ s'intendono ovviamente esclusi i casi degeneri...

Nouth
Messaggi: 42
Iscritto il: 26 feb 2005, 17:28
Località: Brogliano sperduto paese nella di Vicenza provincia

Messaggio da Nouth » 28 feb 2005, 17:07

l'età liceale è diversa dall'eta della ragioneria, dell'iti, dei professionali;
considerando l'eta di x (dove x è un tipo di scuola) come il rang di età in cui si freguenta la scuola x si può facilmente notare che mentre alcuni studenti freguentano la propria scuola dai 14 ai 19 anni (14-18 dipende da quando si compie gli anni) senza mai ripetere alcun anno altri studenti meno proficui impiegano piu anni con range del tipo 14-20/14-21 altri ancora un rang piu piccoli 14-16 (ritirati); ora ponendo uguali le età di due tipi di scuole si pongono distribuzione dei rang degli alunni ; ma quest'ultime da quel che so io sono diverse!!!!

Avatar utente
HiTLeuLeR
Messaggi: 1874
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Reggio di Calabria

Messaggio da HiTLeuLeR » 28 feb 2005, 23:39

HiTLeuLeR ha scritto:$ (*): $ s'intendono ovviamente esclusi i casi degeneri...
Le so... TUTTEEEEEE!!! 8) :lol:

Nouth
Messaggi: 42
Iscritto il: 26 feb 2005, 17:28
Località: Brogliano sperduto paese nella di Vicenza provincia

Messaggio da Nouth » 01 mar 2005, 14:58

fermo un attimo, stai forse dicendo che lamia teoria per cui l'liceale è diversa dall'età di una generica scuola x non vale se escludiamo i cvasi degeneri??
perchè allorta c'è da dire che l'età varia anche se uno cambia scuola, infatti se dalla scuola x1 passa alla x2, avra un'età x1 pari ad esempio ad 14-16 ed un'età x2 pari a 16-19; inoltre sono da considerare anche i casi di chi viene bocciato per scarso rendimento dovuto a malattie o a cause di forza maggiore, e gli studenti che provengon da altri stati e perdono un anno nel cambio, per cui la mia teoria vale in ogni caso!!!!

Ceva
Messaggi: 57
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: tra la Transilvania e la California

Messaggio da Ceva » 01 mar 2005, 15:53

non ci ho capito una ceppa di questo thread.
Cosa state dicento?

Avatar utente
HiTLeuLeR
Messaggi: 1874
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Reggio di Calabria

Messaggio da HiTLeuLeR » 01 mar 2005, 17:49

Ritorno sul topic giusto perché fa faccenda sta assumendo i connotati di uno screenplay alla Woody Allen!?! Dunque, Nouth, tenterò di essere più chiaro... Sia $ \mathcal{U} $ l'insieme universo di tutti gli studenti impegnati a frequentare un qualsivoglia istituto di scuola superiore contestualmente ad un ben definito momento storico $ t \in [t_i,t_f] $, essendo $ t_i, t_f\in\mathbb{R} $ due "punti opportuni sulla retta dei tempi", con $ t_i < t_f $.

Se $ X := \{x\in\mathcal{U}: x \mbox{ è un caso non degenere}\} $, allora diciamo che $ \mathcal{U}\setminus X $ è l'insieme dei casi degeneri (scusami se finora non l'avevo definito come si deve... :cry: :oops:). Orbene, noi si sostiene che (ingegneristicamente parlando): $ |X| \gg |\mathcal{U}\setminus X| $. Certo, allo stato attuale è solo una congettura, però ci stanno lavorando in molti: è probabile che si arrivi a risolverla nel giro di poco tempo, per cui... non ci resta che aspettare!!! :| :mrgreen:

Nouth
Messaggi: 42
Iscritto il: 26 feb 2005, 17:28
Località: Brogliano sperduto paese nella di Vicenza provincia

Messaggio da Nouth » 02 mar 2005, 18:30

1° non sono sicuro di aver capito bene l'ultimo post di Hitleuler, per via della mia poca abitudine alla notazione insiemistica, anche se le maggiori perplessita le ho nell'ultimo paragrafo.
$ \mathcal{U}\setminus X $ non ho la piu pallida idea di cosa significhi :oops: a meno che non intendi $ \mathcal{U} - X $ <come gia detto non ho familiarità con la terminologia insiemistica>
$ |X| \gg |\mathcal{U}\setminus X| $ ???? intendi che i casi degeneri sono trascurabili??
comunque altra cosa da notare che per esempio a scuola mia in terza ed in prima la pecentuale dei bocciati e del circa 30% e arriva anche al 50% in casi particolari, il mio tisi non si allonta molto dagli altri, che mantengono (penso) una media sul 20% in 1° e 3° mentre nei licei se si boccia tanto e solo in prima, quindi penso che i casi non siano cosi tanto facilmente trascurabili

Rispondi