LHS, RHS e co

Cosa sono il pigeonhole e l'induzione? Cosa dice il teorema di Ceva? 1 è un numero primo?
Rispondi
Avatar utente
Franchifis
Messaggi: 149
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa

LHS, RHS e co

Messaggio da Franchifis » 28 giu 2006, 22:28

Che significano quei simboli LHS e RHS che si incontrano nelle soluzioni delle disuguaglianze?

Avatar utente
hydro
Messaggi: 216
Iscritto il: 07 apr 2005, 17:11
Località: milano

Messaggio da hydro » 28 giu 2006, 22:43

"Left-Hand Side" e "Right-Hand Side", ovvero membro sinistro e membro destro

Avatar utente
Franchifis
Messaggi: 149
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa

Messaggio da Franchifis » 28 giu 2006, 23:14

:shock: Tutto qui? E io che mi pensavo fosse una complicatissima teoria sulle diseguaglianze con derivate e affini...

Adesso mi vado a nascondere :oops:

Avatar utente
Ani-sama
Messaggi: 418
Iscritto il: 19 feb 2006, 21:38
Località: Antwerpen (BE)
Contatta:

Messaggio da Ani-sama » 29 giu 2006, 09:51

Eh, tutti questi olimpionici che usano terminologie astruse, spesso prese da certi libri, nondimeno sottolineanti una certa anglofilia :D... Ci sono altre sigle ricorrenti, per adesso mi viene in mente la classica WLOG, cioè "without loss of generality". Poi, uscendo dai termini strettamente anglofoni, c'è il sempiterno "CVD" (Come Volevasi Dimostrare), un'altro strano che non ricordo ma penso voglia dire la stessa cosa, e per finire un'altra sigla, penso ignota alla comunità matematica italiana e mondiale, che risulta essere "SGOPN". Eppure ogni tanto capita di vederla apposta in fondo ad una qualche dimostrazione... :lol: :lol:

In appendice, poi, come non citare le due ormai arcinote:

$ $\sum_{\mathrm{sym}}$ $ e $ $\sum_{\mathrm{cyc}}$ $

usate dagli inequality men di questo forum, che, presi dal risolvere disuguguaglianze sempre più lughe e complicate, usano le sommatorie per risparmiare tempo e stress... ho notato, talvolta, che l'amor di sintesi raggiunge un livello tale per cui, alle povere sommatorie, si arriva persino a sottintendere i limiti. Ad esempio:

$ $\sum a_i b_i \leq {\left(\sum a_i^2 \right)}^{\frac{1}{2}} {\left(\sum b_i^2 \right)}^{\frac{1}{2}}$ $

invece che scrivere:

$ $\sum_{i=1}^n a_i b_i \leq {\left(\sum_{i=1}^n a_i^2 \right)}^{\frac{1}{2}} {\left(\sum_{i=1}^n b_i^2 \right)}^{\frac{1}{2}}$ $


A voler proprio vedere, poi, per concludere tornando all'argomento del topic, $ $RHS$ $ potrebbe essere frainteso come il prodotto di $ $R, H, S$ $. Allora forse è meglio scrivere $ $\mathrm{RHS}$ $, oppure anche $ $\mathcal{RHS}$ $, se non addirittura $ $\mathfrak{RHS}$ $... :lol:
...

Avatar utente
Bolzo88
Messaggi: 220
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa/Bregnano (CO)

Messaggio da Bolzo88 » 29 giu 2006, 11:06

Ani-sama ha scritto:Eh, tutti questi olimpionici che usano terminologie astruse, spesso prese da certi libri, nondimeno sottolineanti una certa anglofilia :D... Ci sono altre sigle ricorrenti, per adesso mi viene in mente la classica WLOG, cioè "without loss of generality". Poi, uscendo dai termini strettamente anglofoni, c'è il sempiterno "CVD" (Come Volevasi Dimostrare), un'altro strano che non ricordo ma penso voglia dire la stessa cosa
Forse QED = quod erat demostrandum o qualcosa di simile? (comunque, dato il mio odio per il latino, preferisco di gran lunga usare CVD).

Rispondi