funzioni continue

Cosa sono il pigeonhole e l'induzione? Cosa dice il teorema di Ceva? 1 è un numero primo?
Rispondi
Avatar utente
hydro
Messaggi: 216
Iscritto il: 07 apr 2005, 17:11
Località: milano

funzioni continue

Messaggio da hydro » 07 ott 2005, 20:06

ciao a tutti!

sono stato colpito da un dubbio oggi risolvendo un esercizio a proposito delle funzioni continue sul mio libro di analisi. il testo recitava ciò:

$ y=sinx+2, x \in Q $

$ y=sinx+k, x \not\in Q $

ora, alla domanda di analizzare la specie dei punti di discontinuità della funzione, il mio libro riporta come soluzione:

" $ \forall k \neq 2 $ punti di discontinuità di seconda specie"

ma guardando la definizione di punto di discontinuità di seconda specie, i punti della funzione non mi sembra rispondano ai canoni dettati dalla definizione (in quanto essa richiede che il limite nel punto in questione non esista o sia infinito), quanto più a quella di punto di discontinuità di prima specie. Com'è possibile? il libro è sbagliato o sbaglio io?

EvaristeG
Site Admin
Messaggi: 4779
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da EvaristeG » 07 ott 2005, 20:28

Infatti, il limite della funzione in un punto qualsiasi non esiste ...
Se scegli una successione $ \{x_n\} $ che tende a un x, fatta di soli numeri razionali, avrai che il limite di $ f(x_n) $ sarà $ \sin x + 2 $, se invece scegli una successione di soli numeri irrazionali, avrai che il limite della suddetta è $ \sin x + k $.
Quindi in ogni punto essa sarà discontinua, poichè esistono due successioni che tendono al punto sulle quali la funzione tende a limiti diversi e dunque il limite della funzione nel punto non esiste.

Avatar utente
hydro
Messaggi: 216
Iscritto il: 07 apr 2005, 17:11
Località: milano

Messaggio da hydro » 07 ott 2005, 20:49

cioè, se ho ben capito,nonostante la funzione sia definita su tutto
$ R $, anche se in ogni punto $ x_{n} $ la funzione esiste, non esiste il limite in tal punto poichè è impossibile determinare se il valore da considerare per il calcolo di esso sia razionale o irrazionale, giusto?

Avatar utente
Marco
Site Admin
Messaggi: 1331
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: IMO '93

Messaggio da Marco » 08 ott 2005, 08:34

hydro ha scritto:cioè, se ho ben capito,nonostante la funzione sia definita su tutto
$ R $, anche se in ogni punto $ x_{n} $ la funzione esiste, non esiste il limite in tal punto poichè è impossibile determinare se il valore da considerare per il calcolo di esso sia razionale o irrazionale, giusto?
Ehmmm, non proprio...
in ogni punto $ x_{n} $ la funzione esiste
Questo è senz'altro vero.
è impossibile determinare se il valore da considerare per il calcolo [del limite] sia razionale o irrazionale
Questo invece non ha un significato chiaro.

Diciamolo meglio: il trucco che sta sotto l'esercizio è che, fissato un qualunque x reale, puoi costruire una successione di razionali che tende a x, ma anche una successione di irrazionali che tende a x.

Supponi che il limite esista (i.e. la funzione data è continua in x). Allora applicando f ai termini della successione devi convergere a f(x). Ma la prima successione è costante e vale sin(x) + 2, che tende a sin(x) + 2. La seconda è costante e vale sin(x) + k, che tende a sin(x) + k. E se k è diverso da 2 non ci sono santi: non torna.

Nota che il sin(x) è solo fumo negli occhi: l'esercizio non era sostanzialmente diverso da:

Dimostrare che, se k è diverso da 0, la funzione che vale k sui razionali e 0 altrove non è continua in nessun punto.

Un po' meglio?
[i:2epswnx1]già ambasciatore ufficiale di RM in Londra[/i:2epswnx1]
- - - - -
"Well, master, we're in a fix and no mistake."

Rispondi