conguenze

Cosa sono il pigeonhole e l'induzione? Cosa dice il teorema di Ceva? 1 è un numero primo?
Rispondi
gian
Messaggi: 114
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Brugine (PD)

conguenze

Messaggio da gian » 02 apr 2005, 13:20

Spostato da MindFlyer.

--------------

volevo chiedervi se è possibile usare delle frazioni nei due termini de una congruenza. Cioè se ab==1 posso dire che a==1/b
ciao by gian

Avatar utente
Boll
Messaggi: 1076
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Piacenza

Messaggio da Boll » 02 apr 2005, 14:15

mmmh, come fa $ \displaystyle \frac{1}{b} $ a essere intero????, comunque credo di aver capito la tua domanda e ti rispondo:

Lemma

$ as\equiv bs $ $ \left(\mod m\right) $
se $ MCD(m,s)=1 $
allora $ a\equiv b $ $ \left(\mod m\right) $

Spider
Messaggi: 147
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: San Cono (CT)
Contatta:

Messaggio da Spider » 03 apr 2005, 00:26

Di solito nelle congruenze si fa in modo di lavorare solo con numeri interi. Tuttavia, nel caso di un modulo primo $ p $, mi pare di aver visto in alcuni casi l'uso abbastanza libero di $ \displaystyle\frac{a}{b} $ per indicare $ a \cdot b^{-1} $, a patto che $ MCD(b, p) = 1 $ (altrimenti l'inverso ovviamente non esiste). Può essere comodo, ma in ogni caso è solo una notazione abbreviata di cui si può tranquillamente fare a meno, e in ambito olimpico personalmente ti sconsiglierei l'utilizzo di notazioni non del tutto convenzionali.

Ciao!
Salvatore

Avatar utente
talpuz
Moderatore
Messaggi: 873
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa

Messaggio da talpuz » 04 apr 2005, 10:13

esplicito quello che ha detto spider:

di congruenze si parla quando ci sono in giro numeri interi, quindi una congruenza in cui compaia un numero razionale non intero non ha molto senso...

nell'aritmetica modulare esiste comunque un'operazione simile a quella di *reciproco* nel senso dei numeri reali, cioè

dato un intero $ m $ e un intero positivo $ n\geq 2 $ si chiama inverso motiplicativo di $ m $ rispetto al modulo $ n $ un intero $ p $ tale che $ mp==1 (n) $. Se un tale intero esiste, si indica con $ m^{-1} $. precisamente, si dimostra (esercizio) che $ m $ ha un inverso modulo $ n $ se e solo se $ MCD(m,n)=1 $; in particolare, se $ n $ è primo, ogni numero non multiplo di $ n $ ha un inverso modulo $ n $.
(ovviamente se due interi distinti sono inversi di uno stesso intero modulo $ n $, allora appartengono alla stessa classe di resto modulo $ n $, quindi più precisamente l'inverso, se esiste, è una classe di resto, non un intero)

quello che diceva spider è che, a volte, $ ab^{-1} $ viene indicato con $ \frac{a}{b} $. questa notazione si può usare, e a volte può essere più comoda dell'altra; è importante però avere in mente che in questo caso la frazione rappresenta un intero (anzi, una classe di resto modulo $ n $) e magari, se la utilizzate in una gara, specificare cosa state intendendo con $ \frac{a}{b} $.

gian
Messaggi: 114
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Brugine (PD)

Messaggio da gian » 04 apr 2005, 13:54

grazie mille a tutti per le risposte. Infatti intendevo fare il reciproco di due numeri

ciao by gian
ciao by gian

Rispondi