Pagina 3 di 3

Inviato: 13 mag 2009, 14:46
da gian92
SkZ ha scritto:
gian92 ha scritto:ma cosa vuol dire farlo presente al consiglio di istituto?
cosa pensi, che ti dicano: ok, da domani ti mettiamo tutti 10...
loro il loro POF l'hanno fatto, stabilendo tutto.
se poi i professori non vogliono mettere voti alti per loro convinzioni uno non ci può fare nulla....

secondo me questo sistema basato sui voti non fa bene a nessuno:
agli studenti migliori che quasi sempre vanno in scuole difficili dove è arduo prendere medie superiori all 8,1 e alla normale che si ritrova con studenti che non hanno una preparazione che giustifichi i voti.
Tu hai provato?
Non chiedi di mettere 10 a tutti, ma 10 quando un compito e' perfetto si.
Se la legge prevede che i voti arrivino al 10, il prof commette un illecito se si ferma prima
non ho provato, so gia cosa mi risponderebbero:"se un compito è perfetto allora 10 lo prendi"
questo discorso si può fare sui compiti scritti ma sulle interrogazioni è più difficile...
ad esempio io per prendere 10 all'interrogazione in matematica ho dovuto spiegare una cosa nuova e cercare di far capire alla classe cosa è la serie di taylor (non è facile in III).
ma a parte questo c'è l'idea di perfetto che cambia da professore a professore:
il mio del biennio di matematica se tutti i risultati erano corretti e i procedimenti corretti metteva 10.
quella che ho ora non mette 10 anche per errori grammaticali, nei disegni (una circonferenza venuta un po storta...è difficile farle bene senza compasso) e soprattutto se ritiene che i numeri siano scritti in modo da renderne difficile la comprensione...(ed è cecata)

Inviato: 13 mag 2009, 15:58
da SkZ
beato te!
all'universita' non ti correggono il compito se non si capisce bene :wink:
E' un po' peggio

chiedete che spieghino la valutazione, che bisogna fare per avere 10. ricordate che il 10 non e' per l'in piu', per quello c'e' la lode.

Inviato: 13 mag 2009, 17:09
da EvaristeG
gian92 ha scritto:
EvaristeG ha scritto:La normale si interessa di quelli che entrano, non di quelli che vengono ai corsi di orientamento.
E per quanto riguarda chi entra, i voti delle superiori non contano nulla.
e allora perchè fare dei corsi di orientemanto se poi non interessano?
Per farsi pubblicità ... per avere un bacino sensato da cui estrarre, tramite le prove di ingresso, i 30 migliori per la classe di Scienze.

Se si presentassero 50 persone al test, i primi 30 sarebbero difficilmente collegati ai primi 30 italiani diplomati in quell'anno alle superiori; se invece si presentano 300 persone e i primi 30 sono primi con buon distacco sulla media (o sulla moda?) , allora sei ragionevolmente sicuro di aver preso qualcosa che assomiglia ai migliori 30 d'italia (anche se non può mai essere vero in assoluto).

Ribadisco ancora, questo funzionava e serviva 30 anni fa, ora la normale è molto più conosciuta e non certo per i corsi di orientamento, che quindi sono solo una bella vacanza per pochi fortunati.

Inviato: 13 mag 2009, 17:46
da gian92
EvaristeG ha scritto:
gian92 ha scritto:
EvaristeG ha scritto:La normale si interessa di quelli che entrano, non di quelli che vengono ai corsi di orientamento.
E per quanto riguarda chi entra, i voti delle superiori non contano nulla.
e allora perchè fare dei corsi di orientemanto se poi non interessano?
Per farsi pubblicità ... per avere un bacino sensato da cui estrarre, tramite le prove di ingresso, i 30 migliori per la classe di Scienze.

Se si presentassero 50 persone al test, i primi 30 sarebbero difficilmente collegati ai primi 30 italiani diplomati in quell'anno alle superiori; se invece si presentano 300 persone e i primi 30 sono primi con buon distacco sulla media (o sulla moda?) , allora sei ragionevolmente sicuro di aver preso qualcosa che assomiglia ai migliori 30 d'italia (anche se non può mai essere vero in assoluto).

Ribadisco ancora, questo funzionava e serviva 30 anni fa, ora la normale è molto più conosciuta e non certo per i corsi di orientamento, che quindi sono solo una bella vacanza per pochi fortunati.
quindi secondo te ai fini della selezione questi corsi hanno poco senso?

Inviato: 13 mag 2009, 17:49
da phi
gian92 ha scritto:e allora perchè fare dei corsi di orientemanto se poi non interessano?
Quando io sono stata al corso di orientamento a Cortona la prima sera hanno tenuto tutto un discorso sul fatto che i corsi d'orientamento sns, oltre a non aver nulla a che fare con le ammissioni, non servono neppure per farsi pubblicità: la sns, dicevano, è già famosa di suo, e "di gente alle ammissioni ne arriva fin troppa".
I corsi di orientamento sono intesi solo come un'opportunità formativa da dare a un gruppo di ragazzi delle superiori, come un'esperienza interessante in sé. Personalmente li vedo più che altro come una specie di "vacanza premio" (un po' come dice EvG) concessa secondo il criterio più semplice e più vicino al merito che sono riusciti a trovare, cioè quello abbastanza insulso della media scolastica; fare test di selezione o cose simili secondo me sarebbe uno spreco di risorse. Il tizio che parlava invece vedeva il corso come un regalo alla "futura classe dirigente" (parole sue :shock: ). E vabeh, se lo dice lui...
E' più interessante il discorso che facevano all'orientamento sssup (lì sì che invece vogliono farsi pubblicità), dove cercano di selezionare anche in base alla motivazione e alle attività extracurricolari, perché dichiarano di sapere quanto poco significhi la media scolastica come criterio di valutazione.

Inviato: 13 mag 2009, 17:59
da SkZ
per essere espliciti: tecnicamente se hai 30 posti, 40 domande sono gia' piu' del necessario.
Cmq instillare nella testa di giovani l'idea della SNS, come dice Evaristeg, aiuta ad avere piu' probabilmente il meglio tra quelle 30 persone accettate. Tanto la grossa scrematura e' fatto con lo scritto: di solito il cut off e' per avere le persone da ammettere con un margine sensato (ammettere all'orale 30 e' assurdo, ma anche 60).

Finche' hanno piu' domande dei posti disponibili, di certo non hanno bisogno di pubblicita'.

Un'idea per selezionare puo' essere ammettere chi fa piu' di tot punti a cesenatico

Inviato: 13 mag 2009, 18:05
da Simo_the_wolf
Prova a chiedere al grande Z cosa ne pensa... :wink:

Inviato: 13 mag 2009, 18:35
da Thebear
Senti SkZ, adesso basta con questa storia di chiedere al consiglio di istituto: ti hanno mai parlato del famoso "coltello dalla parte del manico"??? Lo usano per zittirti anche quando sanno che hai ragione, tanto "quelli che hanno il potere sono loro". E poi se un professore vuole essere s*****o, lo è anche se lo obbligano a mettere 10 ai compiti perfetti: a quel punto preparerebbe delle verifiche impossibili e (forse non per matematica, che lascia poco spazio ad interpretazioni e valutazioni soggettive) si inventerebbe cose tipo "non mi piace lo stile della scrittura o l'argomentazione utilizzata" o non so cos'altro... In pratica se anche si imponesse una scala di valutazione dall'1 al 10 in tutte le scuole, ci sarebbero sempre scuole in cui di fatto prendere il 10 è IMPOSSIBILE, non solo difficile, mentre altre in cui basta dire che $ H_2 O $ è la molecola dell'acqua per avere il 10 di chimica...
Ad esempio nella mia classe siamo in 24 e in 14 abbiamo passato l'esame del First quasi tutti ad occhi chiusi, ma NESSUNO di noi ha mai visto un 10 in 4 anni, neanche in compiti di grammatica oggettivamente perfetti.
Detto questo, pazienza. Certo, la prospettiva della "vacanza" di cui parlava EvaristeG era allettante però come ho già detto - e come mi ha consigliato di pensare il prof che si occupa di orientamento nel mio liceo - mi rimarrà la consapevolezza di aver fatto una scuola migliore e di avere una preparazione in vista dell'università più ampia...

Inviato: 15 mag 2009, 19:14
da Cesco
Concordo con SkZ e in parte con evaristeg e phi. Tuttavia, avendo partecipato a un corso da spesato quest'estate posso aggiungerci del mio.
1) il corso esula quasi totalmente dal corso d'ammissione, anzi non se ne parla proprio. Viene consegnato del materiale informativo utile e interessante,ma è praticamente quello del sito della sns. Noi inoltre eravamo in calabria,ben distanti dalla sede della sns. D'altro canto si ha la possibilità di incontrare studenti attuali o ex allievi da cui avere utili informazioni.
2) l'orientamento fornito è globale e non mirato alla sns. Abbiamo avuto la possibilità di incontrare ingegneri,filologi, economisti, ricercatori, giuristi, filosofi, etc. L'aspetto più interessante è vedere le potenzialità pratiche che forniscono le varie facoltà, le opportunità di lavoro e ricerca,le possibilità di "spendere" adeguatamente ogni laurea. Inoltre, tutti i relatori sono stati gentilissimi e attenti alle nostre domande in ogni momento
3) gli spesati -in generale- non sono degli sprovveduti,ma gente acculturata e piena di interessi,non chiusa nel mondo dei libri. Questo per dire che forse quello dei voti non è il metodo ideale,forse lascia a casa gente meritevole, ma sui grandi numeri paga. Vero è che -esempio: nella mia scuola- a certe medie arrivano anche dei secchioni che spendono la vita sui libri, senza crescere di mente. Ma lì all'orientamento erano pochissimi. Forse si potrebbero invitare all'orientamento anche coloro che figurano sull'albo delle eccellenza...questa sarebbe una correzione secondo me appropriata. Anche perché molti degli spesati attuali non mirano ad entrare in normale,a differenza di molte medaglie olimpiche. Comunque è stata una bella esperienza, però se il vostro obiettivo è entrare in normale non vi sarà di grosso aiuto, mentre gli stages olimpici aiutano sia per la preparazione che per il fatto di essere svolti a pisa. Al senior ho appreso molto di più sulla sns. Credo il metodo sia sempre lavorare^3 e farsi aiutare da un pò di fortuna che non guasta mai.