Cercasi più sfortunato

Informazioni sulle gare, come allenarsi, chi corrompere.
Avatar utente
Boll
Messaggi: 1076
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Piacenza

Messaggio da Boll » 13 gen 2007, 15:21

Ragazzi, proporrei una calmata generale, spero questo mio intervento non venga misinterpretato, è solo un'opinione personale, non sono qui a dispensare lezioni di vita...

Le Olimpiadi di Matematica sono una manifestazione stupenda, che permette ogni anno a decine di ragazzi di incontrarsi e confrontarsi con loro coetanei che condividono uno stesso, "strano", hobby, ovvero la passione per la matematica. Alcuni di loro, più interessati e credo anche più dotati (il discorso "se vi impegnate tutti potete prendere un'oro alle IMO" lo reputerei fallace, il discorso è "se arrivi ad impegnarti così tanto per un oro alle IMO, evidentemente avevi ragione di crederci") hanno la fortuna di rappresentare l'Italia alle Olimpiadi Internazionali. Un'esperienza bellissima, niente da dire, credo sotto molto punti di vista la migliore della mia vita: ci si trova a contatto con culture completamente diverse (chissà se avrò ancora occasione in futuro di parlare con un messicano o vedere un cinese), si visita un paese estero spesso lontano e interessante (Slovenia :cry: ) e si partecipa ad un avvenimento molto rilevante, anche dal punto di vista matematico ("Devi risolvere 6 problemi, che non ti sei posto tu ma ti hanno posto gli altri, in 9 ore, e meglio di persone che vengono da tutto il mondo per quello scopo"). Tuttavia reputo abbastanza controproducente, anzi, devastante, far divenire le Olimpiadi di Matematica una ragione di vita, probabilmente nemmeno io andrei in gita di classe se fosse nel periodo delle provinciali ma frasi come "Sto sacrificando tutta la mia vita per le gare", "Ho lasciato perdere tutte le gite apposta", "Nelle gare ho trovato la vita" mi sembrano eccessive e non conformi allo spirito della manifestazione. Inoltre mitizzando troppo le Olimpiadi si rischia poi di rimanere delusi se non si ottengono i risultati ottenuti, o anche se si ottengono, perchè ciò che si trova è inferiore alle aspettative. Come in tutte le cose bisogna trovare un giusto equilibrio, le Olimpiadi, se fatte bene, direi sono da considerarsi un impegno pari ad un qualsiasi sport agonistico, almeno 15 ore a settimana bisognerebbe dedicarcele, ma 15 ore a settimana sono molto molto lontane da "Sto sacrificando la vita"...
"Ma devo prendere una n-upla qualsiasi o una n-upla arbitraria?" (Lui)

Avatar utente
Sisifo
Messaggi: 604
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Scorzè (VE)/Pisa

Messaggio da Sisifo » 13 gen 2007, 17:14

Quoto Boll e mi permetto di aggiungere che alla fine della quinta superiore finiscono anche le olimpiadi.. e dopo che fate? Cioè, ok essere appassionati, ma ergerle a ragione di vita mi sembra un po' eccessivo..
"Non è certo che tutto sia incerto"(B. Pascal)
Membro dell'associazione "Matematici per la messa al bando del sudoku" fondata da fph

Avatar utente
salva90
Messaggi: 1314
Iscritto il: 19 ott 2006, 18:54
Località: Carrara

Messaggio da salva90 » 13 gen 2007, 21:22

Per me è la matematica in generale ad essere ragione di vita (non l'unica però) non solo le olimpiadi. E quella dura per sempre :D
[url=http://www.myspace.com/italiadimetallo][img]http://img388.imageshack.us/img388/4813/italiadimetallogn7.jpg[/img][/url]

Pigkappa
Messaggi: 1208
Iscritto il: 24 feb 2005, 13:31
Località: Carrara, Pisa

Messaggio da Pigkappa » 13 gen 2007, 21:40

salva90 ha scritto:Per me è la matematica in generale ad essere ragione di vita (non l'unica però) non solo le olimpiadi. E quella dura per sempre :D
Ma non stavi scherzando quando l'hai detto? :shock:

EvaristeG
Site Admin
Messaggi: 4789
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da EvaristeG » 13 gen 2007, 21:49

Pillola di saggezza Jedi
"Only a Sith deals in absolutes"

E ora, cazzate a parte, capisco che in certe fasi della vita si tenda un poco ad estremizzare ogni cosa, ma vi devo dire che, visti così, mi fate un po' paura ... innanzitutto perchè si sta parlando di saltare una gita, non di perdere un evento storico, unico e irripetibile che darà una svolta alla vostra vita, quindi non capisco i toni che ha assunto il discorso; inoltre, le stesse olimpiadi sono una cosa carina, ma non un motivo per vivere, o quanto meno non uno dei principali ... ok, se nei motivi per vivere iniziate a mettere la birra al sabato sera, le partite a pallone con gli amici, la buona musica, il pranzo della domenica, il cioccolato e tante altre cazzate del genere, allora ci stanno anche le olimpiadi, ma altrimenti vi suggerirei di cercare motivi più degni.
Se poi mi dite che vivete per la matematica (e qui qualche dubbio lo avanzerei, ma non fa niente...) allora passi la serietà del motivo, ma a questo punto non vedo il dilemma sulle scelte: per fare matematica serve, nei casi più complicati, della carta bianca (o abbastanza bianca) e qualcosa per scriverci sopra ... non sono certo necessarie le olimpiadi.
Insomma, per essere rudi, evitate il melodramma.

Avatar utente
salva90
Messaggi: 1314
Iscritto il: 19 ott 2006, 18:54
Località: Carrara

Messaggio da salva90 » 13 gen 2007, 23:21

Hai ragione... Vabbè la matematica è bella ma senza esagerare.
Semplicemente, tornando al discorso di partenza, io prerferisco le olimpiadi a una gita. Semplice, no?
[url=http://www.myspace.com/italiadimetallo][img]http://img388.imageshack.us/img388/4813/italiadimetallogn7.jpg[/img][/url]

Avatar utente
SkZ
Messaggi: 3333
Iscritto il: 03 ago 2006, 21:02
Località: Concepcion, Chile
Contatta:

Messaggio da SkZ » 14 gen 2007, 16:40

do' ragione a Boll: in prima liceo alle oli junior feci 33/60 e rimasi molto deluso. :cry:
Cosi' l'anno dopo mi preparai e vinsi con 56/60 :D

finito il liceo,cosa si fa? :?
ma, sei fai matematica, puoi decidere di partecipare alle olimpiadi universitarie! :D
avevo trovato il sito una volta, ma non lo trovo piu'.

toglitemi tutto, ma non le gare di matematica! :twisted:
impara il [tex]~\LaTeX[/tex] e mettilo da par[tex]\TeX~[/tex]

Software is like sex: it's better when it's free (Linus T.)
membro: Club Nostalgici
Non essere egoista, dona anche tu! http://fpv.hacknight.org/a8.php

Avatar utente
donchisciotte
Messaggi: 59
Iscritto il: 08 mag 2006, 23:55

il fuoco della passione

Messaggio da donchisciotte » 13 mar 2007, 15:46

secondo me le gare nn devono essere una fine, ma un soltanto mezzo per stare bene cn se stessi, e soprattutto divertirsi..... quando poi diventa una passione.....
per inciso io l'anno scorso ho fatto le provinciali con un'ustione di secondo grado sulla mano destra....... fatta il giorno prima!!!!
speriamo di vederci a cesenatico.....
"Un uomo senza sogni, senza utopie, senza ideali,
sarebbe un mostruoso animale,
un cinghiale laureato in matematica pura"

(Fabrizio De André)

Rispondi