IMO 2016 - Diario

Informazioni sulle gare, come allenarsi, chi corrompere.

Moderatore: tutor

darkcrystal
Messaggi: 652
Iscritto il: 14 set 2005, 11:39
Località: Chiavari

Re: IMO 2016 - Diario

Messaggio da darkcrystal » 14 lug 2016, 20:44

Diario Olimpico Ufficiale - Giorno 6

Nonostante le moderne diavolerie tecnologiche abbiano sicuramente illuso i miei venticinque lettori e li abbiano portati a credere di sapere quali siano i punti salienti della giornata, solo il Diario Olimpico può svelare i più interessanti retroscena della nostra gloriosa spedizione. La mattinata inizia con un fuoco di fila di coordination: dopo aver trovato un punto sull'esercizio sei durante la colazione ed essere riusciti ad incassarlo, affrontiamo i responsabili del problema 2, che - si scopre - non sono d'accordo con la nostra visione del mondo, e ci offrono al più sei punti. Come totale per la squadra. Un lungo lavoro di traduzione certificata che costa un certo imbarazzo a ITA7, accompagnato dalla sempre impareggiabile prestazione di ITA8, riconducono lentamente gli hongkonghini a più miti consigli. I punti di ITA4 vengono recuperati in zona Macchiaroli - l'equivalente olimpico della zona Cesarini, visto che ITA4 fa tutti i suoi punti negli ultimi cinque minuti di gara - e usciamo esausti dalla coordination con un soddisfacente +22 sulla proposta iniziale e la prospettiva di andare ad un nuovo tavolo (quello del problema 4) dopo pochi minuti. I coordinatori si dimostrano sospettosi del fatto che "lui" porterà ad un assurdo, ma "lui" lo fa; una volta spiegata anche la teoria della parità modulo $7$ il gioco è fatto, e i coordinatori sono costretti ad ammettere che anche ITA5 abbia risolto il problema. La partita finisce quindi 38 a 0 per noi, con tre punti segnati da ITA3 su un problema diverso da quello proposto e che i nostri interlocutori tentano di rubarci con un subdolo inganno modulo 2 ("due punti per i lemmi, uno per l'esempio, quindi uno in totale").
Mentre ci illudiamo di poter finalmente pranzare veniamo attaccati alle spalle dai coordinatori del problema 5: apparentemente l'urlo di Chen, oltre all'Occidente, ha terrorizzato pure loro, e anche se non riusciamo a convincerli che ITA2 sappia contare fino a 4 ammettono che probabilmente sa contare fino a tre, che è il numero di punti che sono disposti a concederci. La parola del problem captain, si sa, è legge, per cui accettiamo e scappiamo con il bottino.
La pausa pranzo è poi sacrificata a decifrare folcloristiche espressioni napoletane che varranno inspiegabilmente un punto a ITA3, probabilmente anche grazie ad un disegno che Max ha la faccia tosta di chiamare "beautiful", scatenando l'ilarità incontrollata dei coordinatori. Il resto, come si suol dire, è storia, o più precisamente algebra: l'inafferrabile ITA1 vola a 31 punti, seguito a ruota dai suoi colleghi con 28, 27 e 26 punti. Purtroppo le preghiere a San Cutoff si dimostrano insufficienti, e l'ultima riunione della giuria fissa il minimo per l'oro a 29 punti: come tutti voi ormai saprete, la spedizione italica tornerà quindi a casa con un oro, tre argenti, e due menzioni d'onore, oltre ad un bronzo bonus offerto dalla squadra rumena all'incredulo ITA1 e un eccezionale piazzamento come quindicesimo team al mondo.
La serata finisce a funzioni olomorfe e Mascarade, e mentre le tenebre calano su Hong Kong alcune domande s'impongono su tutte le altre: riusciranno i nostri eroi a svegliarsi in tempo per la cerimonia di chiusura? Potrà la forza combinata della sfida di dario_2994 e della saggezza cinese - prima pensa a mangiare, poi a vestirti - convincere la squadra ad abbigliarsi come ai bei tempi andati? E soprattutto, riuscirà l'ITATeam a sfuggire alle grinfie dell'evanescente Guido ed evitare di partire all'una per una premiazione che inizia alle 4? Per avere le risposte a questi ed altri angosciosi quesiti, non perdetevi gli ultimi colpi di coda di questa fantastica avventura asiatica nella prossima rocambolesca puntata del Diario Olimpico Ufficiale®!
"Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità dell'uomo, e non sono tanto sicuro della prima" - Einstein

Membro dell'[i]EATO[/i]

Avatar utente
Simo_the_wolf
Moderatore
Messaggi: 1010
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pescara

Re: IMO 2016 - Diario

Messaggio da Simo_the_wolf » 14 lug 2016, 23:40

Woooow!!! 15esimi?? Grandissimi!! Anche terzi in europa! Beh che dire complimentoni a tutti quanti, innanzitutto ai nostri intrepidi $ ITAi $ con $ 1 \leq i \leq 6 $, ma anche ai prodi $ i\geq 7 $, che a quanto pare hanno avuto il loro bel da farsi. Buona cermonia finale a tutti allora e buon rientro!!

Saluti dai fireworks bastigliosi di Parigi.

darkcrystal
Messaggi: 652
Iscritto il: 14 set 2005, 11:39
Località: Chiavari

Re: IMO 2016 - Diario

Messaggio da darkcrystal » 15 lug 2016, 19:50

Diario Olimpico Ufficiale - Giorno 7

La giornata della cerimonia di premiazione non ci regala particolari sorprese, ma gli imprevisti sono sempre in agguato: in mattinata deputy e observer si fanno convincere - nonostante il sonno - a partecipare alla tanto agognata gita al Grande Buddha, ma il tutto si rivela un colossale inganno e non vediamo niente di più di un finto giardino cinese classico ricostruito vent'anni fa; i contestant provano invece ad assistere ad una lezione sui misteri dei pentagoni, ma vengono scacciati per sovrabbondanza di pubblico.
Eludendo il Guido riusciamo a presentarci all'autobus postprandiale con la solita oretta di ritardo, ma nonostante questo guadagno di tempo il pomeriggio è interamente occupato dalla cerimonia di chiusura. Non c'è molto da segnalare, ma è comunque curioso il fatto che solo le menzioni d'onore ricevano (giustappunto) l'onore di avere il proprio nome proiettato a schermo: tutti gli altri premiati vengono solo chiamati a voce dall'inarrestabile Maestra di Cerimonie Laure, e le registrazioni dei nostri nomi che avevamo fornito il giorno dell'arrivo non fanno nulla per evitare "Lluca Macciaròuli", né "Giacòbo Guoyi". Esilarato dal pareggio con Joe Benton (considerato uno dei pilastri portanti della squadra inglese) Macciaròuli fa l'aeroplano sulle spalle del povero ITA5, e una volta finito l'elenco dei medagliati e scattata (male) qualche foto la festa si sposta alla cena di gala. Molti membri del team sono un po' perplessi dalla scelta del cibo (all'occidentale) e dell'intrattenimento, che consiste per lo più in "chit-chat sessions" con l'imbarazzatissimo team USA e gli ancor più impacciati perfect scorers; finiamo così per essere frastornati dalla combinazione di Laure che parla a ciclo continuo, acqua naturale a profusione, armoniche a bocca, percussioni, e il fallimento delle elezioni di Miss e Mister IMO 2016. Dopo la cena tutte le squadre vogliono fare una foto con noi, il che - tanto per cambiare - ci porta ad essere gli ultimi a salire sull'autobus per rientrare all'Università. Dopo un rapido controllo passaporti da parte dell'inflessibile Deputy, la squadra è libera di dedicarsi alle attività che preferisce, ovvero addormentarsi sul letto con la luce accesa; gli accompagnatori provano invece ad intrecciare costruttive relazioni internazionali con Israele, ma riescono solo a rimediare un lecca-lecca islandese e un portachiavi cambogiano. Il tentativo di misurare la lunghezza della costa norvegese dà il colpo di grazia alla serata, e con la scusa di preparare la valigia ci ritiriamo tutti nelle nostre stanze. Anche quest'ultima notte all'HKUST, tuttavia, si ammanta di mistero: chi ha mandato il messaggino a ITA9 per attirarlo fuori dalla Hall 8? E come mai ITA4 è sparito da camera sua dopo aver eluso il controllo passaporti? Riuscirà la nostra squadra a rientrare in patria, o il tentativo dell'organizzazione locale di confonderci mettendoci su tre bus diversi avrà la meglio e resteremo bloccati ad Hong Kong fino alla scadenza del visto temporaneo? Per conoscere la risposta a questi ed altri misteri non resta che attendere l'ultima, ritardataria puntata del Diario Olimpico Ufficiale®!
"Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità dell'uomo, e non sono tanto sicuro della prima" - Einstein

Membro dell'[i]EATO[/i]

darkcrystal
Messaggi: 652
Iscritto il: 14 set 2005, 11:39
Località: Chiavari

Re: IMO 2016 - Diario

Messaggio da darkcrystal » 17 lug 2016, 22:52

Diario Olimpico Ufficiale - Giorni 7 e 8
Nonostante il tentativo dell'organizzazione di rapire i Quattro Volte Grandi Leader e separarli dal resto della squadra, riusciamo a prendere compatti il pullman che lascia l'Università verso le 8 e mezza in direzione di Kowloon. Le attività prettamente olimpiche sono finite, quindi facciamo quel poco che va fatto fino a quando (in tre gruppi separati) verso mezzanotte e mezza riprendiamo i nostri voli per l'Italia. Tutto fila piuttosto liscio, e la squadra italiana può considerarsi felicemente rientrata alla base per ricevere i meritati onori che la Patria le renderà (non si sa bene quando). Complimenti a tutti, e al prossimo anno!
Testo nascosto:
Diario Olimpico Meno Ufficiale Ma Più Interessante - Giorni 7 e 8

Quello che andava fatto era sicuramente poco, ma ciò non toglie che la giornata sia stata ben più frenetica e interessante di quanto l'asettico resoconto precedente non lasci pensare: su insistenza della squadra, i non-molto-convinti accompagnatori hanno infatti congegnato un piano geniale per permettere all'ITATeam di visitare la vicina Macao. In mattinata l'ardito programma funziona come un orologio svizzero, e alle dieci e mezza siamo al molo dell'aliscafo per Macao; il primo intoppo si verifica al controllo passaporti, dove nella partita accompagnatori-squadra per il numero di foglietti necessari all'espatrio vinciamo 3 a 0: tutti gli ITA$j$, $1 \leq j \leq 6$, sono costretti a ricompilare il modulo di immigrazione, con il risultato che prendiamo il nostro trasporto solo per il rotto della cuffia.

D'altra parte, all'arrivo a Macao è ITA9 che viene allontanato per accertamenti dalla polizia di confine (e questa volta per davvero!), ma l'intervento provvidenziale di una bella dose di scotch a riparare il suo passaporto fa sì che la situazione non diventi mai davvero seria. L'acquisto del biglietto dell'aliscafo di ritorno per Hong Kong si rivela meno facile del previsto: presa da un improvviso attacco di spilorceria, la squadra decise di rientrare a Kowloon per poi prendere un treno per Chek Lap Kok invece che andare direttamente all'aeroporto. Il perplesso ma sempre amorevole Deputy si decide quindi ad accompagnare i suoi contestant in questo discutibile tour de force, mentre i Quattro Volte Saggi leader prendono un ben più comodo trasporto diretto.

Una volta liberi di girare a Macao l'esperienza di ITA8 si dimostra una volta di più impareggiabile, e dopo esserci spacciati per ricchi giocatori d'azzardo maggiorenni riusciamo a pranzare nel miglior ristorante di tutta la nazione, o almeno il migliore tra quelli "in cui ci farebbero entrare visto come siamo vestiti"; da lì è una girandola di visite che alterna luoghi turistici a scorci pittoreschi noti solo ai più grandi conoscitori della città, e restiamo stupiti di quanto l'influenza delle Olimat italiane si sia infiltrata anche a Macao. Il fascino del cibo gratis spinge i Nostri a trascorrere un tempo leggermente vergognoso ad assaggiare ogni possibile tipo di biscotto locale e ogni variazione sul tema maiale-pressato-dolce fino a che una domanda non si impone con forza all'attenzione della squadra: dov'è ITA6? E come avrà mai fatto a non trovare le rovine di San Paolo dove avevamo deciso di vederci una volta sfuggiti alle lusinghe del cibo? La risposta viene per fortuna trovata abbastanza in fretta da ITA3: Federico non si è mosso da dove l'avevamo lasciato mezz'ora prima! Il prossimo appuntamento "per chi si perde" viene allora fissato direttamente alla partenza dell'aliscafo, ma ITA6 si sente in dovere di precisare che si tratta dell'appuntamento "per chi si perde o viene abbandonato...". Riusciamo ancora a visitare la fortezza, da dove una vista a 360° rivela tutte le anime di Macao: i cannoni portoghesi pronti ad abbattere i mostruosi e modernissimi casinò da una parte, e una città bassa e probabilmente molto più povera dall'altra convivono nello spazio di un colpo d'occhio. A quel punto è decisamente tardi, per cui ci lanciamo in una marcia a tappe forzate che ci porta a riprendere l'aliscafo con perdite umane assolutamente modeste, e consistenti prevalentemente nella capacità respiratoria di ITA4 e in quella deambulatoria di ITA3. Arriviamo tutti all'aeroporto senza grandi problemi e con grande anticipo, ma l'esercizio IMO2016/7 ("dove mangiamo?") tiene impegnati i membri del team tanto a lungo che rischiamo di arrivare in ritardo all'imbarco. Alla fine per fortuna così non è, e - dopo 12 ore di volo - rientriamo trionfalmente sul suolo patrio dove, per concludere in bellezza una vacanz... spedizione olimpica di grande successo, ITA5 viene acclamato a furor di popolo Mister IMO 2016. Ad Andrea vanno i migliori auguri di continuare con una carriera così piena di successi, e su questa nota trionfale si chiude il Diario Olimpico delle IMO2016: spero che anche voi, cari lettori, vi siate emozionati e divertiti con noi! E vi consiglio in ogni caso di non cambiare canale: l'appuntamento è al prossimo anno per nuove incredibili, iperboliche, improbabili avventure olimpiche sull'esotico sfondo di Rio 2017!
"Solo due cose sono infinite: l'universo e la stupidità dell'uomo, e non sono tanto sicuro della prima" - Einstein

Membro dell'[i]EATO[/i]

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti