Le ragazze alle Olimpiadi

Informazioni sulle gare, come allenarsi, chi corrompere.
Spammowarrior
Messaggi: 282
Iscritto il: 23 dic 2009, 17:14

Messaggio da Spammowarrior » 23 mar 2010, 19:06

Eolo ha scritto:Nonno Bassotto scrive: "Non sorprendentemente, c'è una sovrapposizione fra le persone che fanno bene le olimpiadi e quelle che fanno bene la prova di ammissione ad una scuola di eccellenza"

Stai dicendo una ovvietà: se le prove e i criteri di valutazione sono molto simili per quale motivo dovrebbe esserci discordanza di risultati?

Mi intriga la questione del "chi è Matematico?", come si fa a capire lo sei e se lo sono gli altri?
di fatto però a volte persone che hanno ottenuto risultati ottimi alle gare nazionali di fisica o matematica (e con ottime intendo che sono andate alle imo o alle ipho) non sono riuscite ad entrare in normale, sorpassate magari da gente che non è mai andata a nessuna gara nazionale, figuriamoci internazionale.

Black Magic
Messaggi: 31
Iscritto il: 24 mar 2009, 22:06

Messaggio da Black Magic » 23 mar 2010, 19:14

gian92 ha scritto:bha secondo me avere voti alti a scuola implica o essere secchioni o andare in una scuola "semplice" (è inutile negare che esistano) certo senza studiare si può andare bene (io studierò si e no mezz'ora al giorno e mi tengo sul 7 di media..) ma non si riesce a prendere voti altissimi (9-10) io personalmente voti del genere li vedo solo a matematica (e educazione fisica)
Forse non hai mai visto persone in grado di svolgere alla velocità della luce oltre che problemi di matematica anche versioni di latino, persone in grado di memorizzare e naturalmente comprendere tutto ciò che leggono all'istante, non esistono solo le doti matematiche in questo mondo

Avatar utente
Gatto
Messaggi: 487
Iscritto il: 25 nov 2007, 16:36
Località: Roma

Messaggio da Gatto » 23 mar 2010, 20:14

Le persone che raggiungono buoni risultati alle olimpiadi della matematica (per esempio non il mio caso :D) sono ragazzi a cui piace la materia, che sono portati e che studiano, anche e soprattutto per conto loro, una materia non facile.
Non vedo il perchè debba sorprenderti il fatto che siano in buona parte loro a entrare nelle scuole di eccellenza.
"Fu chiaro sin dall'inizio che ogni qual volta c'era un lavoro da fare, il gatto si rendeva irreperibile." (George Orwell - La fattoria degli animali)

Eolo
Messaggi: 97
Iscritto il: 22 mar 2010, 16:36

Messaggio da Eolo » 23 mar 2010, 21:12

Tornando al tema, qualcuno mi sa dire se nelle gare a squadre delle Olimpiadi ci sono ragazze? La percentuale è la stessa delle gare individuali o ce ne sono di più?

Avatar utente
Francutio
Messaggi: 1104
Iscritto il: 17 feb 2008, 08:05
Località: Torino

Messaggio da Francutio » 23 mar 2010, 21:46

Eolo ha scritto:Tornando al tema, qualcuno mi sa dire se nelle gare a squadre delle Olimpiadi ci sono ragazze? La percentuale è la stessa delle gare individuali o ce ne sono di più?
Per quello che ho visto l'anno scorso la percentuale è nettamente superiore (ci voleva poco xD) :roll:

Tibor Gallai
Messaggi: 1776
Iscritto il: 17 nov 2007, 19:12

Messaggio da Tibor Gallai » 24 mar 2010, 02:05

Tibor Gallai ha scritto:Ma la finiamo di far finta che ci sia la parità dei sessi? Le femmine sono inferiori in tutto tranne che nello sfornare figli, è un fatto talmente ovvio che mi stupisco di come qualcuno si ostini ancora a negarlo cercando giustificazioni sempre più strampalate. Perché negli sport tradizionali è accettabile che maschi e femmine competano in categorie separate, e perché questo è inaccettabile nei tornei di scacchi*, alle IMO, etc, dove il divario tra i risultati è esattamente lo stesso?? Ho frequentato per un po' alcune comunità dei cosiddetti "sport elettronici", e di femmine non ho visto nemmeno l'ombra, se non a livelli miseramente amatoriali. Quindi non è che le femmine siano disinteressate al fenomeno, è solo che sono disastrosamente scarse.
Ogni contesto competitivo in cui sia ben definito il concetto di skill, di qualsiasi genere, vede la schiacciante supremazia maschile, a livelli sufficientemente alti. Che sia un fatto ormonale e non di materia grigia è abbastanza plausibile, mi rendo conto che per le competizioni ci voglia del testosterone... Però negare la cosa a priori è veramente folle.
* Poi smentito da Haile: esiste un campionato mondiale di scacchi femminile, separato da quello maschile.
[quote="Pigkappa"]Penso che faresti un favore al mondo se aprissi un bel topic di bestemmie da qualche parte in modo che ti bannino subito.[/quote]

Avatar utente
Clara
Messaggi: 237
Iscritto il: 02 mar 2010, 14:21
Località: Roma

Messaggio da Clara » 24 mar 2010, 08:54

[quote a casaccio]Poi smentito da Haile: esiste un campionato mondiale di scacchi femminile, separato da quello maschile.[/quote]



È una cosa vergognosa.
Siamo diversi nel corpo, e anche nella mente, ma come non è impossibile che un uomo sia diverso dagli uomini medi, e più somigliante a una donna, non è impossibile ch una donna si distacchi dalle cose generalmente femminili e vinca negli scacchi.
Che poi nessuna lo faccia, perché magari preferisce vivere una vita ed essere felice invece che giocar a scacchi 8 ore al giorno, non vuol dire che siamo più stupide o che.
Ma chi ha ragione? Chi "butta" la sua vita così e diventa un asso (nota bene: uno su mille di quelli che ci buttano la vita!) o chi costruisce una famiglia anche al costo di sentirsi dire cose così da gente come te?
Questo non lo so.
Someone, somewhere, is always doing something someone else said was impossible.

Il pi greco è il George Clooney della matematica.

La bellezza di un esercizio è inversamente proporzionale al rapporto tra la sua difficoltà e la semplicità con cui è posto.

Tibor Gallai
Messaggi: 1776
Iscritto il: 17 nov 2007, 19:12

Messaggio da Tibor Gallai » 24 mar 2010, 09:09

Clara ha scritto:È una cosa vergognosa.
Beh, io e te abbiamo detto sostanzialmente la stessa cosa, quindi il mio invito è quello di non vergognarti delle tue idee, ma di difenderle.
O se intendi che sia vergognoso il fatto che le femmine siano meno competitive, anche questo è discutibile. Se questa è la natura delle cose, c'è poco di cui vergognarsi, secondo me.

Inoltre, se permetti un consiglio, non sarei così sprezzante verso i giochi tipicamente femminili: con un pettinino della barbie si può dimostrare empiricamente che una sfera non è pettinabile, e con lo specchietto (sempre della barbie) si possono architettare dei graziosi esperimenti di ottica. E tutte queste cose con i lego non si possono fare!! :o
[quote="Pigkappa"]Penso che faresti un favore al mondo se aprissi un bel topic di bestemmie da qualche parte in modo che ti bannino subito.[/quote]

Avatar utente
Clara
Messaggi: 237
Iscritto il: 02 mar 2010, 14:21
Località: Roma

Messaggio da Clara » 24 mar 2010, 09:28

Abbiamo detto la stessa cosa???
Tibor Gallai ha scritto:Le femmine sono inferiori in tutto tranne che nello sfornare figli
...
e perché questo è inaccettabile nei tornei di scacchi, alle IMO, etc, dove il divario tra i risultati è esattamente lo stesso??
...
Quindi non è che le femmine siano disinteressate al fenomeno, è solo che sono disastrosamente scarse.
Io ho detto solo che noi non accettiamo di passare tutta la nostra vita appresso agli scacchi, o gioco di turno.
Non abbiamo affatto detto la stessa cosa.


Con "vergognoso" mi riferivo a chi organizza gare separate.



Già, oppure (99% dei casi) si può diventare vanitose e sognare di fare le veline.
Someone, somewhere, is always doing something someone else said was impossible.

Il pi greco è il George Clooney della matematica.

La bellezza di un esercizio è inversamente proporzionale al rapporto tra la sua difficoltà e la semplicità con cui è posto.

Tibor Gallai
Messaggi: 1776
Iscritto il: 17 nov 2007, 19:12

Messaggio da Tibor Gallai » 24 mar 2010, 09:58

Eh ma con "inferiori" intendo nei risultati, non voglio mica dire che siano esseri inferiori! Sono d'accordo nel dare alle femmine pari diritti rispetto ai maschi, per esempio. Alcuni vorrebbero darli pure ai cani, ed altri persino alle cagne, quindi figuriamoci...

D'altra parte, se il rendimento femminile ad alti livelli è inferiore (e questo, perdonami, ma è un dato di fatto piuttosto oggettivo), ha senso organizzare gare separate, per evitare che la supremazia maschile oscuri troppo le mediocri performance femminili.

E l'essere scarsi è una banale conseguenza dell'allenarsi poco, cosa che tu stessa sostieni.

Comunque sia, adesso non mi sembra giusto discriminare la categoria delle veline, solo perché sono fighe e sceme. A me per esempio quelle fighe e sceme piacciono tantissimo, quindi viva le veline!
[quote="Pigkappa"]Penso che faresti un favore al mondo se aprissi un bel topic di bestemmie da qualche parte in modo che ti bannino subito.[/quote]

Avatar utente
Clara
Messaggi: 237
Iscritto il: 02 mar 2010, 14:21
Località: Roma

Messaggio da Clara » 24 mar 2010, 12:26

Vabbè, ok, se uno si allena poco va peggio, ma le gare separate mi sembrano lo stesso una pessima idea.
La prima delle donne sarebbe curiosa di vedere come va a livello globale, ecc.

La bellezza dura poco, la scemenza per tutta la vita.
Tu vorresti che tua figlia fosse così?
Che tuo figlio andasse al Grande Fratello? Io no...

O.T.
Ti piacciono belle e sceme perché così puoi sentirti superiore...
(psicologia)
Someone, somewhere, is always doing something someone else said was impossible.

Il pi greco è il George Clooney della matematica.

La bellezza di un esercizio è inversamente proporzionale al rapporto tra la sua difficoltà e la semplicità con cui è posto.

Avatar utente
Gatto
Messaggi: 487
Iscritto il: 25 nov 2007, 16:36
Località: Roma

Messaggio da Gatto » 24 mar 2010, 12:47

Tibor Gallai ha scritto: D'altra parte, se il rendimento femminile ad alti livelli è inferiore (e questo, perdonami, ma è un dato di fatto piuttosto oggettivo), ha senso organizzare gare separate, per evitare che la supremazia maschile oscuri troppo le mediocri performance femminili.
E quindi seguendo il tuo (opinabile) ragionamento, per francesi/italiani/spagnoli andrebbero organizzate IMO separate da cinesi, giapponesi e russi perchè oggettivamente il rendimento è nettamente inferiore? Cosi' si precluderebbe a qualche "caso fuori dalla norma" di fuoriuscire (che si tratti di un italiano che arriva tra i primi alle IMO, o di una ragazza oro alto a cesenatico).

P.S.
Riguardo il discorso "di coppia", tenendo ovviamente la bellezza che alla fine è uno dei fattori dominanti, sinceramente con le ragazze sceme non puoi pensarci di avere una storia seria (sottolineo il seria, non ho nulla contro le storielle con ragazze belle e sceme) perchè hai anche bisogno di poter avere accanto una persona che ti capisca e questo una ragazza idiota non puo' farlo.
"Fu chiaro sin dall'inizio che ogni qual volta c'era un lavoro da fare, il gatto si rendeva irreperibile." (George Orwell - La fattoria degli animali)

Avatar utente
Francutio
Messaggi: 1104
Iscritto il: 17 feb 2008, 08:05
Località: Torino

Messaggio da Francutio » 24 mar 2010, 15:47

Tibor Gallai ha scritto:Eh ma con "inferiori" intendo nei risultati, non voglio mica dire che siano esseri inferiori! Sono d'accordo nel dare alle femmine pari diritti rispetto ai maschi, per esempio. Alcuni vorrebbero darli pure ai cani, ed altri persino alle cagne, quindi figuriamoci...

D'altra parte, se il rendimento femminile ad alti livelli è inferiore (e questo, perdonami, ma è un dato di fatto piuttosto oggettivo), ha senso organizzare gare separate, per evitare che la supremazia maschile oscuri troppo le mediocri performance femminili.

E l'essere scarsi è una banale conseguenza dell'allenarsi poco, cosa che tu stessa sostieni.

Comunque sia, adesso non mi sembra giusto discriminare la categoria delle veline, solo perché sono fighe e sceme. A me per esempio quelle fighe e sceme piacciono tantissimo, quindi viva le veline!
I due "grassettati" sono per me in piena contraddizione.

Se il voler organizzare gare separate aveva un senso nel tuo "sistema" prima (che comunque non condivideva), ora non ce l'ha più... :?

Eolo
Messaggi: 97
Iscritto il: 22 mar 2010, 16:36

Messaggio da Eolo » 24 mar 2010, 17:21

Tornando al tema, qualcuno mi sa dire se nelle gare a squadre delle Olimpiadi ci sono ragazze? La percentuale è la stessa delle gare individuali o ce ne sono di più?

Per quello che ho visto l'anno scorso la percentuale è nettamente superiore (ci voleva poco xD)



Perchè secondo voi nella gare a squadre ci sono più ragazze?

Avatar utente
gian92
Messaggi: 558
Iscritto il: 12 nov 2007, 13:11
Località: roma

Messaggio da gian92 » 24 mar 2010, 18:44

Eolo ha scritto:Tornando al tema, qualcuno mi sa dire se nelle gare a squadre delle Olimpiadi ci sono ragazze? La percentuale è la stessa delle gare individuali o ce ne sono di più?

Per quello che ho visto l'anno scorso la percentuale è nettamente superiore (ci voleva poco xD)



Perchè secondo voi nella gare a squadre ci sono più ragazze?
perchè (secondo me) ad archimede tra i primi 7 una ragazza ci sta quasi sempre e visto che le squadre si compongono così il gioco è fatto.
mi si potrebbe chiedere perchè ci sono ragazze tra i primi 7: il motivo è che archimede oltre ad avere un punteggio più randomico è anche molto più facile delle prove successive

Rispondi