E=E0-(RT/2F)ln(Ar/A0) ?

Meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, relatività, ...
Rispondi
Avatar utente
l'anormalista
Messaggi: 63
Iscritto il: 08 set 2006, 17:35

E=E0-(RT/2F)ln(Ar/A0) ?

Messaggio da l'anormalista » 05 set 2007, 10:48

Qualcuno sarebbe così gentile da dirmi a cosa si riferisce questa formula:

E=E0-(RT/2F)ln(Ar/A0) ?


0 e r sono a pedice

:roll:
L'anormalista è colui che capisce la futilità della sua esistenza

Paolz
Messaggi: 28
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Selvazzano (PD)

Messaggio da Paolz » 05 set 2007, 11:16

Mi pare che sia un caso particolare dell'equazione di Nernst, una relazione che permette di legare potenziale standard, potenziale a una determinata situazione, temperatura e corrente a condizioin standard e concentrazioni varie.

Se non erro, E si riferisce al potenziale nella situazione particolare del riferimento, E° a quello standard - ricavato sperimentalmente - , R alla costante dei gas, T alla temperatura in condizioni standard, F alla quantità di corrente in Faraday - R, T e F si possono condensare nella costante 0,059 mi pare - , il 2 simboleggia gli elettroni che perde o eventualmente acquista la specie ridotta/ossidata, ln è ovviamente il logaritmo in base e, Ar è la concentrazione della specie ridotta e A0 è quella della specie iniziale.

Spero sia corretto

Avatar utente
l'anormalista
Messaggi: 63
Iscritto il: 08 set 2006, 17:35

Messaggio da l'anormalista » 05 set 2007, 14:13

Grazie mille è + ke corretto nn sai di ke aiuto mi sei stato

un saluto :wink:
L'anormalista è colui che capisce la futilità della sua esistenza

Avatar utente
manliobarone
Messaggi: 144
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Saturno

Messaggio da manliobarone » 05 set 2007, 22:22

Questa è la versione VERA dell'equazione di Nernst,che tirò fuori la stessa in modo sperimentale,mentre questa versione vienei fuori da una serie di calcoli termodinamici (o,meglio,di chimicafisica) e ATTENTO,il gruppo RT/F NON vale 0.059 se usi i logaritmi naturali,ma solo e soltanto se utilizzi i logaritmi decimali.
A voler essere pignoli le due A non sono concentrazioni,ma attività,ossia le concentrazioni moltiplicate per un coefficiente,detto di attività,che tiene conto degli effetti di miscelamento.i pedici r ed o stanno per specie ossidata e specie sottoposta a riduzione.
[url=http://userbarmaker.com/:2ss5vsuf][img:2ss5vsuf]http://img339.imageshack.us/img339/9963/101193326054vv3.png[/img:2ss5vsuf][/url:2ss5vsuf]
[url=http://userbarmaker.com/:2ss5vsuf][img:2ss5vsuf]http://img174.imageshack.us/img174/9177/1001186257051rb1.png[/img:2ss5vsuf][/url:2ss5vsuf]
[b:2ss5vsuf]Membro Club Nostalgici[/b:2ss5vsuf]

Avatar utente
l'anormalista
Messaggi: 63
Iscritto il: 08 set 2006, 17:35

Messaggio da l'anormalista » 06 set 2007, 17:53

Un nuovo grazie :wink:
L'anormalista è colui che capisce la futilità della sua esistenza

Avatar utente
manliobarone
Messaggi: 144
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Saturno

Messaggio da manliobarone » 06 set 2007, 21:29

Di nulla :wink:
[url=http://userbarmaker.com/:2ss5vsuf][img:2ss5vsuf]http://img339.imageshack.us/img339/9963/101193326054vv3.png[/img:2ss5vsuf][/url:2ss5vsuf]
[url=http://userbarmaker.com/:2ss5vsuf][img:2ss5vsuf]http://img174.imageshack.us/img174/9177/1001186257051rb1.png[/img:2ss5vsuf][/url:2ss5vsuf]
[b:2ss5vsuf]Membro Club Nostalgici[/b:2ss5vsuf]

Rispondi