caduta davvero accellarata

Meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, relatività, ...
Rispondi
Avatar utente
jordan
Messaggi: 3988
Iscritto il: 02 feb 2007, 21:19
Località: Pescara
Contatta:

caduta davvero accellarata

Messaggio da jordan » 05 lug 2007, 21:44

Un oggetto di massa m si trova all'altezza h (dalla superficie) nell'orbita di un pianeta di massa M e raggio R (è sottointeso m<<M).
Supponendo che cominci a cadere sul pianeta qual è il tempo T necessario affinchè l'oggetto tocchi la superficie?

ps.odio gli integrali..

luiz
Messaggi: 230
Iscritto il: 26 nov 2006, 14:43
Località: Roma-Ostia

Messaggio da luiz » 06 lug 2007, 17:09

senza equazioni differenziali ed integrali la vedo proprio difficile...
membro Club Nostalgici

Avatar utente
Boll
Messaggi: 1076
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Piacenza

Messaggio da Boll » 06 lug 2007, 17:39

E invece si fa proprio senza nulla di tutto ciò... Il problema è abbastanza "famoso", lo diedero un paio di anni fa al test SNS e la sua bellezza sta proprio nel fatto che non si fa con metodi bruti ma con un'idea davvero phiga...
"Ma devo prendere una n-upla qualsiasi o una n-upla arbitraria?" (Lui)

luiz
Messaggi: 230
Iscritto il: 26 nov 2006, 14:43
Località: Roma-Ostia

Messaggio da luiz » 06 lug 2007, 17:53

Boll ha scritto:E invece si fa proprio senza nulla di tutto ciò... Il problema è abbastanza "famoso", lo diedero un paio di anni fa al test SNS e la sua bellezza sta proprio nel fatto che non si fa con metodi bruti ma con un'idea davvero phiga...
cioè?
membro Club Nostalgici

Avatar utente
moebius
Messaggi: 433
Iscritto il: 08 mag 2005, 19:14

Messaggio da moebius » 06 lug 2007, 17:55

Domanda molto stupida... la forza di attrazione gravitazionale la posso supporre costante?
Fondatore: [url=http://olimpiadi.dm.unipi.it/oliForum/viewtopic.php?t=8899]Associazione non dimenticatevi dei nanetti![/url]
Membro: Club Nostalgici
Sono troppo scarso in italiano per usare parole con la c o la q...

Avatar utente
Boll
Messaggi: 1076
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Piacenza

Alors...

Messaggio da Boll » 06 lug 2007, 18:36

luiz ha scritto:
Boll ha scritto:E invece si fa proprio senza nulla di tutto ciò... Il problema è abbastanza "famoso", lo diedero un paio di anni fa al test SNS e la sua bellezza sta proprio nel fatto che non si fa con metodi bruti ma con un'idea davvero phiga...
cioè?
Prima il nostro corpo orbitava di orbita circolare attorno alla massa grossa, quindi eguagliando forza centripeta e forza di attrazione gravitazionale e usando le formule per il moto circolare avremo che il periodo di rivoluzione era

$ $ T_0^2=\frac{4\pi^2R}{GM} $

Ora lasciando cadere, approssimiamo il segmento ad un ellisse degenere, quindi cadendo compieremo solo mezzo percorso e applicando la terza legge di Keplero (che vale per m molto minore di M):

$ \displaystyle \frac{{T_0^2 }}{{\left( {2T} \right)^2 }} = \frac{{R^3 }}{{\left( {\frac{{R }}{2}} \right)^3 }} $
$ $T^2=\frac{T_0^2}{32} $
$ $T=\sqrt{\frac{\pi^2R}{8GM}} $
"Ma devo prendere una n-upla qualsiasi o una n-upla arbitraria?" (Lui)

BMcKmas
Messaggi: 343
Iscritto il: 13 mar 2006, 16:40

Re: caduta davvero accellarata

Messaggio da BMcKmas » 06 lug 2007, 19:01

jordan ha scritto:Un oggetto di massa m si trova all'altezza h (dalla superficie) nell'orbita di un pianeta di massa M e raggio R (è sottointeso m<<M).
Supponendo che cominci a cadere sul pianeta qual è il tempo T necessario affinchè l'oggetto tocchi la superficie?

ps.odio gli integrali..
Scusate, ma allora il problema era molto mal posto:
il ragionamento di Boll vale solo se h>>R (cioè se R è una quantità trascurabile), ma se è così che senso ha dire 'all'altezza h dalla superficie ... di un pianeta di ... raggio R'?

In effetti se h<R l'ipotesi di forza costante porta a una previsione molto migliore.
BMcKMas

"Ci sono almeno tre modi per ingannare: la falsità, l'omissione e la statistica" Anonimo saggio

Avatar utente
jordan
Messaggi: 3988
Iscritto il: 02 feb 2007, 21:19
Località: Pescara
Contatta:

Messaggio da jordan » 07 lug 2007, 14:56

con il calcolo integrale invece come andava fatto?

Avatar utente
zancus
Messaggi: 26
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Gaiba

Re: Alors...

Messaggio da zancus » 08 lug 2007, 16:29

Boll ha scritto:Ora lasciando cadere, approssimiamo il segmento ad un ellisse degenere, quindi cadendo compieremo solo mezzo percorso e applicando la terza legge di Keplero (che vale per m molto minore di M):

$ \displaystyle \frac{{T_0^2 }}{{\left( {2T} \right)^2 }} = \frac{{R^3 }}{{\left( {\frac{{R }}{2}} \right)^3 }} $
$ $T^2=\frac{T_0^2}{32} $
$ $T=\sqrt{\frac{\pi^2R}{8GM}} $
Scusate ma non riesco a capire una cosa: l'ellisse degenere non ha un semiasse maggiore che vale sempre $ $R$ $? E poi cadendo non compie soltanto un quarto del tragitto totale?
Tanto per capirci, il segmento, che sarebbe poi l'ellisse degenere, ha come punto medio la massa sulla quale sta cadendo il corpo?
Imagination is more important than knowledge.
Knowledge is limited.
Imagination encircles the world.
[b:rwrggxcy]Albert Einstein[/b:rwrggxcy]

Hammond
Messaggi: 110
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Verona

Messaggio da Hammond » 08 lug 2007, 18:24

Anch'io non capivo sta cosa :)
No, il segmento è l'intero asse maggiore dell'ellisse. Puoi vederla come un'orbita che fa un giro molto stretto intorno al pianeta.
In effetti il pianeta non può essere il punto medio perché deve stare in uno dei fuochi.
Però, domanda: se il satellite potesse passare attraverso il pianeta, l'orbita non sarebbe proprio un segmento lungo 2R?

Rispondi