Animali che saltano

Meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, relatività, ...
Rispondi
Shoma85
Messaggi: 98
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa

Animali che saltano

Messaggio da Shoma85 » 14 mar 2005, 00:22

Si è notato che molti animali riescono a saltare ad un altezza massima di un metro circa, indipendentemente dalla loro dimensione (es una pulce e un gatto...).
Dare una spiegazione fisica di questo fatto.

:D

Avatar utente
bh3u4m
Messaggi: 547
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Milano

Messaggio da bh3u4m » 14 mar 2005, 18:18

La loro dimensione è V,
La forza che riescono ad esercitare sulle gambe F è proporzionale a V,
La loro massa m è proporzionale a V,
La loro massa m è proporzionale a F (transitività della proporzionalità),
per la seconda legge di Newton l'accelerazione sarà costante... :)

Avatar utente
info
Messaggi: 903
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da info » 15 mar 2005, 16:14

Cosa ti dice che l'accelerazione agisca per uno stesso intervallo di tempo? Non bisogna considerare il fatto che un essere più alto può usufruire meglio dell'accelerazione piegandosi di più sulle ginocchia?

ps: scusate se ho scritto castronerie, simili quesiti sembrano fatti apposta!

Avatar utente
bh3u4m
Messaggi: 547
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Milano

Messaggio da bh3u4m » 15 mar 2005, 18:31

Beh... l'ho postato così per divertirmi... cmq il gioco si basa su regole di proporzionalità. Poi che gli animali abbiano forme diverse è vero... ma a questo punto, se consideriamo che le varie evoluzioni hanno portato a diverse efficienze di salto, il problema non è più trattabile.

Il problema rimane abbastanza bello e divertente...
ma adesso basta giocare, ti posto dei problemi belli belli (ormai siamo solo noi due in questa sezione), e soprattutto non modificati da me, così evitiamo incomprensioni.

Avatar utente
info
Messaggi: 903
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da info » 15 mar 2005, 19:12

aspe... avevo fatto qualche calcolo che ora non ho davanti ma la conclusione era che l'altezza era costante una volta verificata la proporzionalità diretta tra

--- forza imprimibile e massa;
--- altezza e massa; (*)

naturalmente sono tutti ragionamenti molto di massima, come hai detto...
aspetterei Shoma85 per chiudere il problema :wink:

Quando ho tempo e sono sveglio (quasi mai!) proverò a fare il problema che hai proposto... devo però ancora scrivere i calcoli per Alex sulle macchine termiche... magari qualcuno mi precederà!
In seguito posterò anch'io qualche problema... e cmq non siamo solo noi due, dai..

(*) guardando ora il mio ris sembra che il prodotto F*h si proporzionale ad m..

Rispondi