Fenomeno di diffrazione

Meccanica, termodinamica, elettromagnetismo, relatività, ...
Rispondi
Avatar utente
SARLANGA
Messaggi: 135
Iscritto il: 26 ago 2009, 19:48

Fenomeno di diffrazione

Messaggio da SARLANGA » 02 nov 2009, 17:55

Il prof. di Chimica ha accennato alla diffrazione della luce, ma la sua spiegazione non mi convince. Dice che per spiegare la presenza di cerchi concentrici chiari e scuri su un piano, dopo che la sorgente è passata tramite una fessura (di dimensione confrontabile con $ \displaystyle \lambda $) si deve applicare il principio di interferenza tra le onde. Io non riesco a vedere dove sia la somma di onde nella diffrazione, me lo spieghereste?
Il mio problema sta forse nel fatto che mi ero convinto di questo: la differenza di tonalità tra i cerchi è dovuta alle diverse distanze percorse prima di raggiungere il piano di incidenza.
[quote="edriv"]chiunque prima di sapere non sa, e prima di saper fare non fa...[/quote]
---------------------------------------
Giacomo: "Non è che uno deve saper costruire i mobili per poterli apprezzare".
Giovanni: "No, caro. Chi sa fare sa capire".
Giacomo: "Ma che cazzo di proverbio è?"
Giovanni: "Non è un proverbio, Giacomo, è la vita"
(da "Chiedimi se sono felice")

Avatar utente
SkZ
Messaggi: 3333
Iscritto il: 03 ago 2006, 21:02
Località: Concepcion, Chile
Contatta:

Messaggio da SkZ » 02 nov 2009, 18:45

risposta veloce: per avere variazioni di luminosita' da una sorgente continua, devi avere interferenza tra onde.
Ogni punto di un fronte d'onda e' assimilabile ad una sorgente di onda (principio di non ricordo chi)
In questo caso consideri i bordi della fenditura (la figura di diffrazione dipende infatti dalla forma della fenditura)
impara il [tex]~\LaTeX[/tex] e mettilo da par[tex]\TeX~[/tex]

Software is like sex: it's better when it's free (Linus T.)
membro: Club Nostalgici
Non essere egoista, dona anche tu! http://fpv.hacknight.org/a8.php

Avatar utente
SARLANGA
Messaggi: 135
Iscritto il: 26 ago 2009, 19:48

Messaggio da SARLANGA » 02 nov 2009, 23:02

SkZ ha scritto:risposta veloce: per avere variazioni di luminosita' da una sorgente continua, devi avere interferenza tra onde.
Ok, ma non riesco a capire in un sistema "geometrico" quali sono le onde che interferiscono tra loro, sia in concordanza di fase, sia in discordanza di fase. Non riesco proprio a vederle geometricamente... Voglio dire: fino alla fessura abbiamo un raggio con una determinata lunghezza d'onda e frequenza; dopodichè è come se qualche raggio partisse in ritardo e qualcun altro in fase... Ho ancora le idee molto confuse su questo, potete aiutarmi?
Nella spiegazione del fenomeno c'entra qualcosa quello che ho detto prima? vale a dire:
SARLANGA ha scritto:la differenza di tonalità tra i cerchi è dovuta alle diverse distanze percorse prima di raggiungere il piano di incidenza.
:?:
Oppure è del tutto sbagliato?
[quote="edriv"]chiunque prima di sapere non sa, e prima di saper fare non fa...[/quote]
---------------------------------------
Giacomo: "Non è che uno deve saper costruire i mobili per poterli apprezzare".
Giovanni: "No, caro. Chi sa fare sa capire".
Giacomo: "Ma che cazzo di proverbio è?"
Giovanni: "Non è un proverbio, Giacomo, è la vita"
(da "Chiedimi se sono felice")

Avatar utente
SkZ
Messaggi: 3333
Iscritto il: 03 ago 2006, 21:02
Località: Concepcion, Chile
Contatta:

Messaggio da SkZ » 02 nov 2009, 23:39

e' un'interferenza, ergo il differente percorso di 2 o piu' raggi

il buco non e' puntiforme ergo ogni suo punto e' assimilabile ad una sorgente. La somma di queste sorgenti causa la figura di diffrazione
impara il [tex]~\LaTeX[/tex] e mettilo da par[tex]\TeX~[/tex]

Software is like sex: it's better when it's free (Linus T.)
membro: Club Nostalgici
Non essere egoista, dona anche tu! http://fpv.hacknight.org/a8.php

Marta Venturi
Messaggi: 48
Iscritto il: 19 mar 2009, 19:02

Messaggio da Marta Venturi » 21 nov 2009, 20:48

Ogni punto di un fronte d'onda e' assimilabile ad una sorgente di onda (principio di non ricordo chi)
Il principio è quello di Huygens

la differenza di tonalità tra i cerchi è dovuta alle diverse distanze percorse prima di raggiungere il piano di incidenza.
La differenza di tonalità è dovuta all'interferenza tra le onde. La 'luminosità' è data dall'ampiezza dell'onda.Quando due o più onde si incontrano si sommano. Se si sommano due ventri dell'onda, lì ci sarà un'ampiezza massima, e quindi tu vedrai quel punto èiù luminoso. Dove, invece, si sommano dei nodi o due punti che sono in opposizione di fase, ci sarà un minimo, in cui l'ampiezza sarà zero, e che quindi tu vedrai scuro.
In tutti i punti in cui le onde che si sommano sono in una situazione intermedia, vedrai delle zone che non sono nè scure, nè chiare.

Pigkappa
Messaggi: 1209
Iscritto il: 24 feb 2005, 13:31
Località: Carrara, Pisa

Messaggio da Pigkappa » 22 nov 2009, 00:20

Consiglio: per queste cose usate il forum delle Olimpiadi di Fisica http://www.cadnet.marche.it/olifis/phpBB3/index.php ! C'è una sezione apposta per le domande teoriche.


Comunque, per quanto questo possa non essere intuitivo le prime volte che lo si vede, se tu mandi un'onda piana contro una fessura, poi ogni punto della fessura si comporta come la sorgente di una nuova onda. L'interferenza di cui si parla avviene tra queste onde. Lo si vede un pochino nella seconda immagine di Wikipedia, sulla destra, alla pagina http://it.wikipedia.org/wiki/Principio_di_Huygens .

Avatar utente
SARLANGA
Messaggi: 135
Iscritto il: 26 ago 2009, 19:48

Messaggio da SARLANGA » 22 nov 2009, 12:00

Bene, credo di aver capito adesso. Grazie a tutti e scusate se non era il forum giusto :wink:
[quote="edriv"]chiunque prima di sapere non sa, e prima di saper fare non fa...[/quote]
---------------------------------------
Giacomo: "Non è che uno deve saper costruire i mobili per poterli apprezzare".
Giovanni: "No, caro. Chi sa fare sa capire".
Giacomo: "Ma che cazzo di proverbio è?"
Giovanni: "Non è un proverbio, Giacomo, è la vita"
(da "Chiedimi se sono felice")

Rispondi