Pagina 1 di 1

Due cariche s'avvicinano...

Inviato: 06 ago 2008, 19:48
da ico1989
Una carica puntiforme q e’ sparata a velocita’ V verso una carica puntiforme Q dello stesso segno.
La carica Q e’ fissa, la separazione delle due cariche all’istante iniziale
E’ molto grande, e la massa della carica mobile sia m.
La velocita’ della carica mobile e’ sempre diretta lungo la congiungente delle due cariche.
Qual e’ la distanza minima raggiunta dalle due cariche durante l’esperimento?
Qual e’ la velocita’ finale (in direzione e modulo) della carica mobile
Molto tempo dopo l’istante iniziale?
Si discuta la traiettoria della particella mobile in funzione del tempo.

Re: Due cariche s'avvicinano...

Inviato: 06 ago 2008, 21:44
da Desh
ico1989 ha scritto:Qual e’ la distanza minima raggiunta dalle due cariche durante l’esperimento?
(fantasiosamente la chiamo $ d $)

$ \displaystyle \frac{1}{2}mv^2=\frac{qQ}{4\pi\varepsilon_0 \cdot d} $

$ \displaystyle d=\frac{qQ}{2\pi\varepsilon_0 mv^2} $
Qual e’ la velocita’ finale (in direzione e modulo) della carica mobile
Molto tempo dopo l’istante iniziale?
Intensità e direzione uguali a quella iniziale, verso opposto.

Re: Due cariche s'avvicinano...

Inviato: 07 ago 2008, 01:14
da ico1989
ico1989 ha scritto:Si discuta la traiettoria della particella mobile in funzione del tempo.
Ora questo :)

Inviato: 07 ago 2008, 10:58
da Desh
intendi "trova la legge oraria"?
Perché la traiettoria (insieme dei punti per cui passa l'oggetto) è una semiretta abbastanza facile da individuare

Inviato: 07 ago 2008, 11:01
da ico1989
Desh ha scritto:intendi "trova la legge oraria"?
Perché la traiettoria (insieme dei punti per cui passa l'oggetto) è una semiretta abbastanza facile da individuare
Si, il problema vuole la legge oraria, anche se è espresso non proprio alla perfezione...

Inviato: 07 ago 2008, 11:09
da Desh
edit SBAGLIATO

Inviato: 07 ago 2008, 11:16
da ico1989
Desh ha scritto:$ \displaystyle x=\sqrt[3]{\frac{qQ}{2\pi\varepsilon_0 m} t^2} $? non mi convince però
Mi fai vedere come la ricavi?

Inviato: 07 ago 2008, 11:29
da Desh
non hai il risultato vero per caso? ho appena trovato un errore.

Comunque l'idea è uguagliare energia cinetica e potenziale (sbagliato, di nuovo l'energia totale all'energia cinetica iniziale (o potenziale quando si ferma, sono uguali), scrivere la velocità come derivata dello spazio rispetto al tempo e poi integrare

Inviato: 07 ago 2008, 11:44
da ico1989
Desh ha scritto:non hai il risultato vero per caso? ho appena trovato un errore.

Comunque l'idea è uguagliare energia cinetica e potenziale, scrivere la velocità come derivata dello spazio rispetto al tempo e poi integrare


comunque penso che così vada meglio
$ \displaystyle x=\sqrt[3]{\frac{9qQ}{8\pi\varepsilon_0 m} t^2} $
Una soluzione completa non l'ho, però il suggerimento è di procedere come tu dici. Vorrei però che si ragionasse avendo posto un sistema di riferimento per calcolare la legge oraria, perché così mi sembra un pò confusionario; boh, forse è una mia impressione :/

Inviato: 07 ago 2008, 12:11
da oli89
"Comunque l'idea è uguagliare energia cinetica e potenziale"

scusa, ma nn riesco a capire il perchè di questa affermazione: saresti gentile da spiegarmela? grazie ciaoo

Inviato: 07 ago 2008, 12:17
da Desh
oli89 ha scritto:"Comunque l'idea è uguagliare energia cinetica e potenziale"

scusa, ma nn riesco a capire il perchè di questa affermazione: saresti gentile da spiegarmela? grazie ciaoo
:oops: :oops: :oops:

ho sbagliato, l'idea era che in ogni istante energia cinetica+potenziale=en. cinetica iniziale