Ogni coppia (n,p) tale che p è primo ed n^p + p^p = a^2

Numeri interi, razionali, divisibilità, equazioni diofantee, ...
Rispondi
Avatar utente
HiTLeuLeR
Messaggi: 1874
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Reggio di Calabria

Ogni coppia (n,p) tale che p è primo ed n^p + p^p = a^2

Messaggio da HiTLeuLeR » 06 set 2006, 09:59

Determinare ogni coppia (n, p) di interi tali che p è un primo > 0 ed $ n^p + p^p $ è un quadrato perfetto.

Avatar utente
dalferro11
Messaggi: 104
Iscritto il: 02 ott 2006, 14:17

Messaggio da dalferro11 » 19 gen 2007, 23:24

Non so se hit sta ancora nei paraggi, ma una curiosità....dove è stato trovato questo problema?
la mancanza di cultura matematica si manifesta drasticamente nell'eccessiva precisione di calcolo.

K. F. Gauss

Avatar utente
EUCLA
Messaggi: 771
Iscritto il: 21 apr 2005, 19:20
Località: Prato

Messaggio da EUCLA » 16 feb 2007, 14:11

questo problema mi incuriosisce però non riesco a fare più tanto data la mia ignoranza...un aiutino? anche per MP o MSN se non vuoi scrivere sul forum.
Grazie Hitleuler

Avatar utente
salva90
Messaggi: 1314
Iscritto il: 19 ott 2006, 18:54
Località: Carrara

Messaggio da salva90 » 16 feb 2007, 14:20

piccola parte di ragionamento...
p è dispari, chiaramente, perchè con p=2 non ci son soluzioni... quindi $ n^p+p^p $ è scomponibile, anche se non so se qusto possa servire a qualcosa...
[url=http://www.myspace.com/italiadimetallo][img]http://img388.imageshack.us/img388/4813/italiadimetallogn7.jpg[/img][/url]

Avatar utente
dalferro11
Messaggi: 104
Iscritto il: 02 ott 2006, 14:17

Messaggio da dalferro11 » 16 feb 2007, 14:49

Beh se p=2 allora n=0.
Altrimenti se MCD(n,p)=1 allora $ n^p = 1 mod p $ quindi $ n^p = 1+kp $. Si nota pure che (n+p)|a.
Ciò significa che $ kp + p^p = (a-1)(a+1) $.
e cioè $ p(k+p^{\(p-1})= (a-1)(a+1) $ e quindi p|a-1 o p| a+1................[/tex]
la mancanza di cultura matematica si manifesta drasticamente nell'eccessiva precisione di calcolo.

K. F. Gauss

albert_K
Messaggi: 182
Iscritto il: 10 set 2006, 19:34
Contatta:

Messaggio da albert_K » 04 mar 2007, 16:11

mmm mi sa che c'è un errore nell'applicazione del Piccolo Teorema di Fermat

se $ (n,p)=1 , n^p = n (mod p) $

Avatar utente
dalferro11
Messaggi: 104
Iscritto il: 02 ott 2006, 14:17

Messaggio da dalferro11 » 05 mar 2007, 12:08

Si avevo notato l'errore, comunque grazie per averlo corretto.
Il senso però non mi cambia. Il problema è alquanto strano, sembra un caso più generale dell'equazione
$ x^3 + k = y^2 $

Di questo tipo di equazioni si sa che hanno un numero finito di soluzioni, oppure non ne hanno.
Quindi il problema posto da hit, anche se in un certo senso avevo trovato un modo per valutare se ci siano o no soluzioni diverse da quelle evidenti (metodo di Runge per le equazioni diofantee), è un po'.... strano, ma interessante. Chiunque abbia uno straccio di ragionamento valido.......è ben accetto.
O forse, cosa probilie, non riesco a vedere quella piccolezza che mi permette di risolverlo in modo, diciamo facile......
la mancanza di cultura matematica si manifesta drasticamente nell'eccessiva precisione di calcolo.

K. F. Gauss

Rispondi