volontà

Un forum per discutere di tutto quello che non riguarda la matematica!

Moderatore: tutor

SoN_NYO
Messaggi: 373
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Roma

Messaggio da SoN_NYO » 01 gen 1970, 01:33

Allora volevo precisare delle cose riguardo il mio post... Innanzi tutto io nn ho mai detto, ho cmq fatto intendere che la volontà degli altri fosse nulla, anzi. Solo ke X facilitare l\'esempio ho semplificato molto. Io infatt ipenso ke noi quotidianamente ci scontriamo con la volontà, al fine di ottenere qualcosa a nostro vantaggio, e quindi tutto ciò si unisce a quanto ho scritto nell\'altro post. Inoltre aggiungo una cosa, e coièche l\'uomo con la sua volontà può FARE qualunque cosa, anke violare tutte le leggi fisike. Infatti le leggi fisike sono universali e dimostrate, ma secondo me, proprio perchè frutto della mente degli uomini, nn sono perfette nè infallibili. Un esempio rilevante è il tempo, fino a mezzo secolo fà considerato come misura immutabile, adesso quasi tutti sanno ke è relativo. Oppure quando prima di Lavoisier si pensava che il calore fosse un fluido e che il corpo al momento della combustione perdesse \" flogisto\". Tutto ciò è stato smentito col tempo. Quidni se un uomo ( kiamiamolo BLEDA) volesse viaggiare nel tempo, ed oggi si impegnasse, avendo lauree aquisendo magari le competenze specifike ( magari in matematica), trovando una soluzione, che poi si rivelerà inutile, però intanto ha sollevato il problema, e magari secoli dopo qualkuno riesce a trovare la soluzione, magari ispirato proprio dalle ipotesi di BLEDA. Con ovviamente tutti i vantaggi e svantaggi ke ne deriverebbero, ma avrebbe cmq infranto + leggi della fisika![addsig]
=SoN_NYO= res. sezione Warcraft3 SON clan, la vera devastazione inizia ORA!
Il DYO della DEVASTAZIONE è tornato................

Avatar utente
W28
Messaggi: 448
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Tra Castellammare e Napoli

Messaggio da W28 » 01 gen 1970, 01:33

<!-- BBCode Quote Start --><TABLE BORDER=0 ALIGN=CENTER WIDTH=85%><TR><TD><font size=-1>Quote:</font><HR></TD></TR><TR><TD><FONT SIZE=-1><BLOCKQUOTE>
<BR>@W28: penso che tu abbia perfettamente azzeccato quello che intendevo... siamo (fisicamente parlando) incatenati dalle leggi della fisica, ma sono catene così complicate ed \"indeterministiche\" che un occhio disattento non le vede e pensa di essere libero...
<BR>Però non sono molto d\'accordo sulla tu distinzione tra uomo reale e ideale...ovviamente questo è un discorso generale che vale per un individuo generico, ma non è irreale, vale anche nella realtà, per tutte le persone...
<BR>Forse non ho capito quello che intendevi e soprattutto cosa c\'entra la politica?
<BR></BLOCKQUOTE></FONT></TD></TR><TR><TD><HR></TD></TR></TABLE><!-- BBCode Quote End -->
<BR>
<BR>Ho avuto la senzazione di fare volotariato coato in questi giorni ... comunque
<BR>
<BR>leggiti 1984 di Orwell [addsig]
Voglio sapere come Dio ha creato questo mondo voglio sapere i suoi pensieri tutto il resto è dettaglio (A.Einstein)

SW9
Messaggi: 56
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: provincia di TO

Messaggio da SW9 » 01 gen 1970, 01:33

la visione di SoN_NYO è comunque corretta.
<BR>non bisogna pensare ai limiti(purtroppo sappiamo che ci sono)
<BR>ma noi dobbiamo guardare sempre avanti senza mai indugiare e senza mai dichiararsi vinti.
<BR>nulla è impossibile(è una affermazione falsa ovviamente) ma noi dobbiamo esattamente pensarla cosi
<BR>
<html>
<H3>
< ShockWave L9 >
</H3>
</HTMlL>

SW9
Messaggi: 56
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: provincia di TO

Messaggio da SW9 » 01 gen 1970, 01:33

per W28
<BR>la concezione \"delle catene del cervello\" e quello che stavo cercando di descrivere disperatamente nei miei mess precedenti
<html>
<H3>
< ShockWave L9 >
</H3>
</HTMlL>

Avatar utente
W28
Messaggi: 448
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Tra Castellammare e Napoli

Messaggio da W28 » 01 gen 1970, 01:33

Spiego meglio la differenza tra uomo reale e ideale
<BR>
<BR>Io reale posso essere non libero mentre Io ideale nn l\'ho sono
<BR>
<BR>xkè
<BR>
<BR>asumento che l\'uomo ideale è libero (mi sono espesso fin ora nella ipotesi contraria)
<BR>
<BR>seppure davanti a una selta del tipo mangiare-non mangiare posso fare tutte le due scelte (come afferma anke SW9) conoscendo il grado di affamazione e il grado di gradimento del cibo una persona che osservera il momento della mia scelta sapprà quello che sceglierò
<BR>
<BR>Ovviamente è una cosa sceglierlo davanti a un piatto di pasta e un altro e davanti alla pentola che devo ancora cucinare
<BR>
<BR>Ora se devo scegliere se cucinare e mangiare o non cucinare e non mangiare e fare una partita a pallone se sono affamato (presumo che la pasta mi piace) seglierò (realmente) di cucinare
<BR>
<BR>Riasumento \"l\'uomo (reale , ndw2<IMG SRC="images/forum/icons/icon_cool.gif"> se non vengono garantite i suoi bisogni naturali (vi ricortate Epicuro , ndw2<IMG SRC="images/forum/icons/icon_cool.gif"> non potrà mai essere libero \" B.Russell Saggi Scettici (qualcuno igrorante nn l\'ho confonda con Roussell)
<BR>
<BR>Ora alla classe dirigente di un paese per conservare la propria posizione conviene un popolo libero che fa sciopero o schiavo che non fa sciopero?
<BR>
<BR>Qualcuno mi fa notare che stiamo in democrazia e che i nostri bisogni naturali sono per grand parte di noi ci sono dati ... ma come fa notare lo stesso Russell i bisogni naturali sono proporzionati alla società:
<BR>
<BR>un esempio pratico visto che il 98% degli italiani possiendono un cellulare è naturale che l\'altro 2% (le % le diro ad indovinare) si sentano dei poveracci.
<BR>
<BR>possiamo vedere che in una società consumistica nn potrà mai avere gente libera perchè tutti tendono ad imitare un modello dato proprio dalla classe dirigente)
<BR>
<BR>Voi matematici mi potete insegnare per esempio che moda è un termine statistico che determina quale membro statistico ha la maggior frequenza ad uscire ora seguire la moda vale a dire non scegliere liberamente
<BR>
<BR>ADESSO NON DITE CHE STO FACCENDO POLITICA VISTO CHE QUESTA OPINIONE ME L\'AVETA CHIESTA VOI[addsig]
Voglio sapere come Dio ha creato questo mondo voglio sapere i suoi pensieri tutto il resto è dettaglio (A.Einstein)

Avatar utente
W28
Messaggi: 448
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Tra Castellammare e Napoli

Messaggio da W28 » 01 gen 1970, 01:33

Volevo dire che W è solamente l\'incroccio nelle mie iniziali V.V.[addsig]
Voglio sapere come Dio ha creato questo mondo voglio sapere i suoi pensieri tutto il resto è dettaglio (A.Einstein)

mik
Messaggi: 41
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: valdagno

Messaggio da mik » 01 gen 1970, 01:33

1984 l\'ho letto e riletto...
<BR>
<BR>bellissimo libro
<BR>
<BR>in che senso hai avuto la sensazione di fare \"volontariato coato\" in questi giorni?
<BR>
<BR>altra cosa W28... sarò scemo ma davvero ho capito poco della tua distinzione tra uomo reale e uomo ideale

germania2002
Messaggi: 821
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Cosenza
Contatta:

Messaggio da germania2002 » 01 gen 1970, 01:33

UP![addsig]
"un uomo deve migliorare di qualcosa il mondo, se si vuole sentire realizzato..."
"Deutschland der beste Staat!"
[url:pvcj9bic]http://www.grid.org[/url:pvcj9bic] (pc vs cancro,sars,peste)

Avatar utente
W28
Messaggi: 448
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Tra Castellammare e Napoli

Messaggio da W28 » 01 gen 1970, 01:33

Volontario coato ... nel senso che mi sono iscritto per ottenere il credito formativo poi ottenuto il credito per altri mezzi (vedi OLI-INFO) continuo a far volontariato perchè ci sta una ragazza <IMG SRC="images/forum/icons/icon_cool.gif"> (alla fine mi sono travato a votare per fare una cosa che non avrei mai avuto intenzione di fare).
<BR>
<BR>Uomo ideale intendo come essere singolo nel senso se vuoi platonico
<BR>
<BR>Reale invece e l\'uomo nella società tra uomini (e soprattutto donne(la battuta nn è puramente casuale))[addsig]
Voglio sapere come Dio ha creato questo mondo voglio sapere i suoi pensieri tutto il resto è dettaglio (A.Einstein)

Avatar utente
W28
Messaggi: 448
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Tra Castellammare e Napoli

Messaggio da W28 » 01 gen 1970, 01:33

La sostanziale differenza e l\'infuenzabilità che un uomo essercita un altro
<BR>
<BR>(nel mio caso è una donna soprattutto) <IMG SRC="images/forum/icons/icon_cool.gif"> [addsig]
Voglio sapere come Dio ha creato questo mondo voglio sapere i suoi pensieri tutto il resto è dettaglio (A.Einstein)

mik
Messaggi: 41
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: valdagno

Messaggio da mik » 01 gen 1970, 01:33

ah ok
<BR>
<BR>adesso sei stato chiarissimo W28...
<BR>
<BR>il tuo esempio è la chiara dimostrazione che certe volte due parole spiegano molto meglio un pensiero piuttosto che duemila!!!
<BR>
<BR>e insomma la discussione sulla volontà finisce qui???
<BR>
<BR>peccato...mi stavo divertendo...

SW9
Messaggi: 56
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: provincia di TO

Messaggio da SW9 » 01 gen 1970, 01:33

mik le nostre le nostre posizioni le abbiamo +/- espresse tutti ora dovremmo esporre esempi per giustificare ed eventualmente approfondire alcuni aspetti interessanti. Ribadisco che per spiegare i comportamenti umani bisogna analizzare il funzionamento del cervello (rif.forum-->il cervello matematico) quindi vi si dovrebbe attingere info.
<html>
<H3>
< ShockWave L9 >
</H3>
</HTMlL>

germania2002
Messaggi: 821
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Cosenza
Contatta:

Messaggio da germania2002 » 01 gen 1970, 01:33

già, ha ragione sw9......se la discussione vuole andare anvanti dobbiamo fare 2 cose:
<BR>1) sperare che altri scrivino la loro opinione
<BR>2) evolvere le nostre opinioni o cercare di dimostrarle.
<BR>n) Non lo sò aggiungete voi....
<BR>
<BR>Allora, dalla mia infima posizione che però di permette di ragionare un pochetto, ci provo a dimostrare la mia:
<BR>
<BR>Volontà@ger: capacità di fare qualcosa che richiede tempo, energia e concentrazione superiori a quando si riesce a svolgere un compito in maniera naturale (cioè dove siamo capaci e portati naturalmente, sprecando poche energie).
<BR>
<BR>Intelligenza@pierparte1:
<BR>-----------------------------------------------------------------------------------
<BR><!-- BBCode Start --><B>RAGIONAMENTO TEORICO (PAZZOIDO) PIER, PARTE 1:
<BR>ATTENZIONE CHE E\' ORGANIZZATO MALE</B><!-- BBCode End -->
<BR>
<BR>
<BR>Molte volte mi è capitato di sentire a scuola o in tv persone che davano dell\'imbecille ad uno dicendogli \"non capisci niente\" oppure \"tu sei stupido\" nel vero senso della parola non come insulto. Bene ora tenterò di spiegare, teoricamente e anche grazie ad alcune esperienze che secondo me questo è sbagliato.
<BR>Ipotesi A:
<BR>Il cervello in età infantile è già predisposto naturalmente ad alcune materie ed ad altre no, ma \"l\'intelligenza totale\" del bambino non si avvicina a quella potenziale che raggiungerà da adulto
<BR>Ipotesi B:
<BR>\"L\'intelligenza totale\" di un adulto è molto simile a quella di tutti gli altri, tranne eccezzioni come handicappati o geni (autisti e non)
<BR>Ipotesi C:
<BR>le intelligenze sono (secondo M.gardner):
<BR>matematico-logica, verbale, visiva, musicale, motoria, morale, sociale.
<BR>Prendiamo lo sviluppo di un\'intelligenza che ci interessa, la logico-matematica:
<BR>
<BR>a) ragazzo con capacità matematica iniziale normale
<BR>Un ragazzo del genere può aumentare le sue capacità matematiche studiando questa materia per un certo tempo ogni giorno (o di media), all\'inizio avrà uno sviluppo dell\'algoritmo interno strategico (cioè quello che scarta velocemente le possibile vie inutili, il ragionamento istantaneo) rapido, grazie alla memorizzazione degli errori e dei successi a cui questo algoritmo fà riferimento (l\'esperienza) per scartare eventuali ragionamenti improduttivi. Però man mano che le esperienze aumentano, questo algoritmo diminuisce la sua rapidità di evoluzione (cioè si affina sempre meno, ma si affina sempre.........sembra che l\'ho già scritta stà cosa ho un dejavu), quindi il ragionamento istantaneo è come stabilizzato e il ragazzo và avanti solo per la sua grande esperienza (che sia chiaro, si acquisice dopo aver analizzato bene tanti errori o successi diversi), però è vicino al limite delle sue capacità.
<BR>Esempio: il giocatore di scacchi.
<BR>Un giocatore principiante del tipo (a) inizia a giocare a scacchi, durante le prime cento-duecento partite migliora rapidamente il suo gioco (e quindi il suo algoritmo di ragionamento istantaneo) grazie all\'analisi degli errori tramite \"accessi in memoria\" (quante volte vi sembra di ricordare una mossa?). Poi però questo algoritmo evolve sempre più lentamente perchè le partite tendono ad essere molto simili e l\'algoritmo ha difficoltà a memorizzarle come diverse ed a selezionare le migliori.
<BR>
<BR>b)ragazzo con capacitò iniziale superiore alla media
<BR>Questo tipo di ragazzo si comporta come il ragazzo (a), solo che la sua predisposizione naturale per la materia gli permette una memorizzazione molto maggiore, e quindi un\'evoluzione iniziale dell\'algoritmo di ragionamento istantaneo molto più lunga a parità di partite disputate. Inoltre l\'algoritmo è già più efficente (cioè sceglie soluzioni migliori) da se, ed ad ogni esperienza aumenta d\'efficenza un tantino in più rispetto al ragazzo (a), anche se più esperienze si fanno più questa differenza diminuisce (attenzione, non come efficacia, ma come variazione rispetto all\'efficenza precedente; in pratica all\'esperienza 4, l\'algoritmo (b) è più efficente di (a) però il miglioramento tra l\'efficenza 3 e 4 di (b) [deltaE per chiarirci] è minore di quello tra 2 e 3 sempre di (b)...) e tende a livellarsi con quella di (a), naturalmente solo dopo un maggior numero di esperienze iniziali.
<BR>Esempio giocatore scacchi:
<BR>un giocatore principiante di tipo (b) inizia a giocare a scacchi, dopo 400-500 partite nelle quali il suo gioco è migliorato sensibilmente, l\'algoritmo del ragionamento istantaneo tende a migliorare sempre più lentamente, essendo però già più efficace dell\'algoritmo di (a) di almeno 2-3 volte.
<BR>
<BR>PS: lo sò fà cagare, ma a me questo mi pass aper la testa, e naturalmente la mia è un\'opinione che non vuole essere imposta a nessuno.
<BR>--------------------------------------------------------------------------
<BR>
<BR>date queste due definizioni riporto l\'esempio di prima pagina:
<BR>Diciamo che il ragazzo A sia nato con un \"intelligenza\" matematica un pò più sviluppata della media detta L, L è una frazione della sua intelligenza matematica potenziale F, tale che F/L > 1. Poichè è portato naturalmente alle scienze che trattano la matematica arriverà ad un livello X senza sforzarsi troppo (cioè studiare molto [ergo meno di 1 ora], fare una cifra di esercizi, etc...), arrivato al livello X lui ha abbastanza conoscenze matematche che riescono a colmare la sua \"intelligenza potenziale\" iniziale (naturale) L, però in potenza (e qui parlo all\'Aristotele che per me è sempre stato un cretino, cazzo) lui ha ancora molto da esprimere. Quindi con lo studio approfondito e con un bel pò di esercizi lui porterà la sua \"intelligenza\" oltre il livello iniziale L e tenderà al livello finale F. Quindi qui ho presentato un caso di volontà per superare i propri limiti in un campo con talento naturale.
<BR>
<BR>
<BR>Ora, ognuno di noi qui studia matematica, quando studiamo nuove teorie sembra che ad ogni livello le apprendiamo subito, bè secondo me è vero fino alle medie(per i ragazzi normali), poi via via che apprendiamo altre cose però dopo qualche anno se tentiamo di ricordarci teorie di 3-4 anni prima ce le siemo mezze scordate, e per ricordarcele le dobbiamo ripassare con un minimo di attenzione. Ora da qui si giustifica la mia teoria della soglia di limite iniziale. Quella soglia di solito la si riempie entro il 1° liceo, poi pian piano per andare avanti \"naturalmente\" si semidimenticano certe nozioni particolari, che se vogliono essere ricordate devono essere ripassate e quindi richiedono nuova energia per essere memorizzate e ci informano (sempre secondo me) che ora stiamo usando il rimanente potenziale della nostra intelligenza che si sviluppa solo con una certa concentrazione, via via più crescente quando aumentano le teorie e i ragionamenti sia relativi alle teorie sia relativi agli esercizi, in memoria. Io per esempio ritengo di aver superato la soglia da molto tempo, credo dal 1° liceo.
<BR>
<BR>a voi, caso mai non capite (ci credo), lo riscrivo, in effetti devo sistemarlo meglio anche in blocco note....[addsig]
"un uomo deve migliorare di qualcosa il mondo, se si vuole sentire realizzato..."
"Deutschland der beste Staat!"
[url:pvcj9bic]http://www.grid.org[/url:pvcj9bic] (pc vs cancro,sars,peste)

Avatar utente
W28
Messaggi: 448
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Tra Castellammare e Napoli

Messaggio da W28 » 01 gen 1970, 01:33

Abbasso Epicuro ...
<BR>
<BR>mi è venuta così ... <IMG SRC="images/forum/icons/icon_cool.gif"> [addsig]
Voglio sapere come Dio ha creato questo mondo voglio sapere i suoi pensieri tutto il resto è dettaglio (A.Einstein)

Avatar utente
W28
Messaggi: 448
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Tra Castellammare e Napoli

Messaggio da W28 » 01 gen 1970, 01:33

Medoto (eretico) per sfuggire alle catene delle leggi fisiche.
<BR>
<BR>Premessa:
<BR>
<BR>1) Esistono infiniti Universi (ragguppati in Metauniversi (che poi si raggrupano come la matrioska russa)
<BR>
<BR>2) Dio come l\'essere perfettissimo non ha creato direttamente questo Universo
<BR>
<BR>=> che le patticelle che compondono l\'universo si potrebbero trovare in una posizione tale che l\'universo crakki su se stesso ciò può accadere che una patticella scelga per conservarsi di non seguire le leggi fisiche
<BR>
<BR>Esempio pratico
<BR>
<BR>Mentre io e germania2002 stiamo facendo una partita a scacchi noto che faccendo una dama con tre mosse vinco la partita che altrimenti perderei ma Sw9 che abritra la partita si è dimenticato di portare una regina supplementare quindi se vado a dama blocco la partita (seguendo le leggi degli scacchi) se faccio un\'altra mossa perdo la partita <IMG SRC="images/forum/icons/icon27.gif">
<BR>
<BR>Premessa tre:
<BR>
<BR>Siamo i soli nell\'universo
<BR>
<BR>Premessa quattro :
<BR>
<BR>Vale il principio antropico forte : L\'uomo esiste affinche l\'universo esiste (in stile quantistico : finquando un eletrone non lo misuro non so se esiste ma ha una provabilità di esistenza sparsa in tutto l\'universo)
<BR>
<BR>Tesi:
<BR>
<BR>il genere umano può sceglire quindi se suicidarsi (usando la bomba atomica) e mandare in provabilità d\'esistenza l\'universo o non suicidarsi salvando l\'universo.
<BR>
<BR>PROVAGANDA POLITICA:
<BR>Bush non distruggere l\'Universo. <IMG SRC="images/forum/icons/icon21.gif"> [addsig]
Voglio sapere come Dio ha creato questo mondo voglio sapere i suoi pensieri tutto il resto è dettaglio (A.Einstein)

Bloccato