MATEMATICA E GIOCHI

In questo forum si discute delle Olimpiadi di Matematica

Moderatore: tutor

Bloccato
MARI
Messaggi: 1
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: piacenza

Messaggio da MARI » 01 gen 1970, 01:33

SERVONO VERAMENTE I GIOCHI AD AVVICINARE ALLA MATEMATICA O SONO COLTIVATI SOLO DAI GIà VICINI?
<BR>
<BR> <IMG SRC="images/splatt_forum/icons/icon_frown.gif">

lordgauss
Messaggi: 478
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Brunswick

Messaggio da lordgauss » 01 gen 1970, 01:33

Bella domanda, direi che la risposta è: servono davvero. Sono convinto che ognuno possa apprezzare la bellezza della matematica, se di essa viene proposta una VERA panoramica. Beh, la matematica scolastica non aiuta da questo punto di vista. Ed ecco che entrano in gioco le Olimpiadi...

Maus
Messaggi: 133
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da Maus » 01 gen 1970, 01:33

concordo pienamente (parlo per esperienza diretta); certo, un minimo di rapimento per la matematica è richiesto, ma i problemi \"olimpionici\" (diversamente da quelli di altre gare, come già osservato) sono davvero stimolanti e ottimi per una solida formazione matematica (anche per gli (ancora) \"non-vicini\"). ciao <IMG SRC="images/splatt_forum/icons/icon_wink.gif">

froggy_87
Messaggi: 2
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: asti

Messaggio da froggy_87 » 01 gen 1970, 01:33

secondo me comunque, le olimpiadi avvicinano solo gli appassionati poiché se a qualcuno non piace la matematica non credo propio che le olimpiadi di matematica gli piaceranno !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! <IMG SRC="images/splatt_forum/icons/icon21.gif">

lordgauss
Messaggi: 478
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Brunswick

Messaggio da lordgauss » 01 gen 1970, 01:33

Non credo che uno possa dire \"la matematica non mi piace\" preventivamente, senza conoscerla.
<BR>Le Olimpiadi sono appunto un assaggio di vera matematica, ovvero di matematica in quanto ricerca ed utilizzo del ragionamento puro, semplice, bello.
<BR>Insomma, le Olimpiadi sono necessarie per avere una visione un po\' più d\'insieme.

Gauss
Messaggi: 233
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Siena
Contatta:

Messaggio da Gauss » 01 gen 1970, 01:33

Espongo il mio pensiero.
<BR>Molte dele persone che conosco hanno un\'idea errata della matematica, e devo dire che fino a quando ero in prima, inizio seconda media,la pensavo anche io così. La gente ritiene che la matematica sia un campo sterile, poco utile e c\'è chi aggiunge anche \"adatto ai secchioni\". le olimpiadi della matematica possono mostrare ad una parte di questi (non certo agli irriducibili) che la matematica ha un lato creativo e che bene o male è come una qualsiasi forma d\'arte. Non sono d\'accordo invece quando si dice che i problemi delle olimpiadi danno una panormaica su quello che è la matematica. Non conosco molte cose, ma ogni volta che ne imparo una nuova (mateaticamente parlando) mi rendo conto sempre di più quanto poche ne sappia. I problemi \"stile olimpiadi\" rischiano di diventare ,lo so che èstrano a dirsi, meccanici, in quanto formano un mondo a parte, che secondo me non è in grado di esprimere la vastità e la bellezza della matematica.
<html>
I can smile... and kill while i smile.
</html>

lordgauss
Messaggi: 478
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Brunswick

Messaggio da lordgauss » 01 gen 1970, 01:33

Ovviamente non una panoramica concettuale, di argomenti, bensì qualitativa, di ragionamento.
<BR>Sono d\'accordo con il rischio di una eccessiva specializzazione, ma ciò avviene a livello piuttosto elevato, direi a livello IMO. Se prendi i testi di Cesenatico trovi esercizi (quasi) sempre freschi e originali, per i quali non servono particolari tecniche.
<BR>Infine non sono in accordo con te quando dici che la matematica \"è come una qualsiasi forma d\'arte\" perchè possiede un lato creativo. Credo che la matematica contenga in sè caratteri di generalità ed eternità tali da porla sopra una qualsiasi forma d\'arte umana.
<BR>Ovviamente sarei felice di continuare questa discussione ed esporre meglio il mio
<BR>punto di vista.
<BR>Voi che ne pensate?
<BR>Ciao

Gauss
Messaggi: 233
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Siena
Contatta:

Messaggio da Gauss » 01 gen 1970, 01:33

Devo rettificare il mio intervento: dire \"la matematica è come una qualsiasi forma d\'arte\" è sbagliato per l\'uso del termine qualsiasi. Sebbene probabilmente tra qualche anno, qualche supercalcolatore, oltre a giocare eccezionalmente bene a scacchi riuscirà anche a dimostrare in due passaggi l\'UTF, ritengo che la creatività dell\'uomo sia necessaria in matematica, per gettare ponti da una branca ad un\'altra, per creare nuove idee. Sebbene la mia sia una concezione un po\' romantica credo che per questi motivi la matematica sia da considerarsi un\'arte (ha perfino un\'estetica volendo), con la piacevole caratteristica dell\'immutabilità.
<BR>
<BR>La mia critica ai problemi olimpici è imputabile alla loro struttura, tutto sommato lineare. Dopo uno sforzo (che può, beninteso, essere titanico) iniziale, il resto segue con linearità fino alla fine (con il relativo ed ormai celeberrimo rilascio di endorfine <IMG SRC="images/splatt_forum/icons/icon_smile.gif">). E poi basta, chiuso lì, non resta altro da fare che cercare un altro problema. Un ipotetico risolutore di problemi di questo genere, non è spinto, a mio avviso, a farsi più di tante domande, ed in questo secondo me risiede il limite di questi enigmi.
<BR>
<BR>Hmmm questo messaggio non mi pare completo, avrei altre cose da dire, ma aspetto per sentire le vostre repliche.<BR><BR><font size=1>[ Questo Messaggio è stato Modificato da: Gauss il 2002-04-24 22:16 ]</font>
<html>
I can smile... and kill while i smile.
</html>

Azarus
Messaggi: 580
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Pisa

Messaggio da Azarus » 01 gen 1970, 01:33

beh certo le olimpiadi sono carine...
<BR>ma sono matematica in senso molto creativo, almeno le prime due fasi.
<BR>In effetti i problemi delle prime gare si possono risolvere usando la logica (ma è più \"difficile\")oppure con un briciolo di ragionamento matematico, poche nozioni ma grande creatività .... a parte quello di quest\'anno del puzzle ...
<BR> <IMG SRC="images/splatt_forum/icons/icon_mad.gif"> <IMG SRC="images/splatt_forum/icons/icon_mad.gif">
<BR>
<BR>comunque non credo sia possibile fare un confronto fra matematica(universitaria almeno) e olimpiadi ...
<BR>per me sono due cose abbastanza diverse,anche avendo basi simili.
<BR>
<BR>

Maus
Messaggi: 133
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00

Messaggio da Maus » 01 gen 1970, 01:33

nel confronto fra matematica universitaria e olimpiadi il raccordo non c\'è solo apparentemente. la risoluzione dei problemi delle olimpiadi, è vero, non ammette una conoscenza specialistica della materia, almeno fino alle nazionali, e di conseguenza è opportuno intervenire con una qualche forma di creatività che, come sostiene Gauss, è indiscutibilmente arte (l\'arte non è forse inventiva?). il rapporto con la \"vera\" matematica non è tanto diretto e riscontrabile a livello contenutistico, ma direi psicologico: io sono guidato alla scoperta di nuove strade oltre a quelle che imbocco per risolvere i problemi olimpionici, più \"avanzate\" e quindi \"universitarie\" che mi permettano di raggiungere l\'obiettivo in maniera più sintetica ed elegante. spero di essere riuscita a esprimere in modo soddisfacente il mio pensiero. <IMG SRC="images/splatt_forum/icons/icon21.gif">

lordgauss
Messaggi: 478
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Brunswick

Messaggio da lordgauss » 01 gen 1970, 01:33

Bene, vedo che si è aperta una bella discussione. Proviamo a scinderla nelle sue componenti:
<BR>
<BR>1 MATEMATICA E CREATIVITA\': La creatività è una qualità umana, non certo connaturata alla ricerca matematica. In effetti, posti gli assiomi, un supercalcolatore ideale è in grado di dimostrare un qualsiasi teorema decidibile. Però l\'uomo non ha una tale mostruosa capacità di calcolo: pertanto serve il suo intuito, il suo ingegno per \"fiutare\" la strada giusta, che porta alla dimostrazione del teorema. Insomma, l\'uomo per essere matematico deve essere creativo.
<BR>
<BR>2 MATEMATICA ED ARTE. Anzitutto dovremmo accordarci sulla definizione d\'arte: per ora io la lascio indefinita, in modo da non scatenare diatribe, tanto tutti sappiamo intuitivamente che cosa sia. Beh, io credo che la matematica sia un\'arte, ma non \"un\'arte come le altre\" bensì \"un\'arte sopra le altre\" per i motivi già detti.
<BR>
<BR>3 MATEMATICA ED OLIMPIADI
<BR>Sono d\'accordo con Gauss quando sostiene che nei problemi olimpici manca l\'aspetto di ricerca: una volta fatto un problema, il tutto finisce lì (in genere). D\'altra parte, per usare le parole di Maus, il rapporto con la matematica è psicologico, in quanto si familiarizza con il piacere di fare matematica, e qualitativo, ovvero scoprire che i concetti alla base della matematica sono semplicità, eleganza, bellezza, simmetria...

ReKaio
Messaggi: 565
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Località: Terra degli Shura (pisa)
Contatta:

Messaggio da ReKaio » 01 gen 1970, 01:33

a proposito mi matematica e arte, ultimamente a scuola stiamo facendo un corso di \'stile\' per le dimostrazioni, cioè ognuno dimostra per la via che preferisce teoremi (spesso banali), e i risultati sono molteplici, quindi si valuta quali siano i più \'eleganti\', vi assicuro che non è affatto banale come lavoro.
_k_

albatr0s83
Messaggi: 10
Iscritto il: 01 gen 1970, 01:00
Contatta:

Messaggio da albatr0s83 » 01 gen 1970, 01:33

Colgo lo spunto di lordgauss per riportare alcune parole di Russell che io trovo magnifiche, anche se forse le conoscete già:
<BR>
<BR>\"Mathematics, rightly viewed, possesses not only truth, but supreme beauty--a beauty cold and austere, like that of sculpture, without appeal to any part of our weaker nature, without the gorgeous trappings of painting or music, yet sublimely pure, and capable of a stern perfection such as only the greatest art can show.\"

Bloccato